Software as a Service (SaaS)

Software as a service (SaaS)

Articoli, notizie e approfondimenti sul Software as a Service: cos’è, quando conviene usarlo, quali sono gli svantaggi e le best practice

Il Software-as-a-Service (SaaS) è un modello di distribuzione del software in cui l’applicativo e gli eventuali servizi collegati sono eseguiti in un ambiente centralizzato e gli utenti vi accedono via rete, quasi sempre via Internet e usando un browser come interfaccia. È il modello che si indica oggi tipicamente con l’espressione di “servizi in cloud” ed è l’evoluzione del modello ASP (Application Service Provider) degli anni Novanta.

Ci sono però sostanziali differenze:

  • quasi sempre nel modello SaaS a fornire l’applicazione e i suoi servizi è la realtà che l’ha sviluppata
  • l’interfaccia usata è un browser
  • l’architettura è multi-tenant, ossia esiste una sola applicazione che serve più utenti mantenendo separati i rispettivi dati e ambienti operativi.

Il modello SaaS è considerato quello vincente da tutti i principali software vendor, che hanno realizzato versioni “as a Service” delle loro principali applicazioni e le forniscono attraverso una infrastruttura cloud di proprietà realizzata ad hoc oppure appoggiandosi ad altri provider di servizi cloud.

Attualmente le principali software house attive nel mondo aziendale traggono dalle offerte SaaS circa il 20 percento del loro fatturato legato al software applicativo e ai servizi collegati, nel giro di tre-quattro anni la maggior parte di loro prevede che i due modelli di distribuzione si equivalgano dal punto di vista del fatturato.

Software as a Service: vantaggi

Ci sono diversi vantaggi pratici ed economici che spingono il modello cloud. Per l’utente c’è soprattutto il vantaggio di non dover affrontare una spesa impegnativa per l’acquisto del software, la sua implementazione e la sua manutenzione.

Il software in SaaS si utilizza in abbonamento e comporta una spesa inferiore e certa, anche se ricorrente, e la manutenzione è eseguita direttamente dal software vendor.

Per le software house c’è il vantaggio di dover gestire e manutenere solo le grandi installazioni in cloud delle applicazioni, che possono quindi essere aggiornate con maggiore regolarità e con la certezza che tutti gli utenti (in cloud) stiano usando sempre la versione migliore e abbiano a disposizione le stesse funzioni.

Più in generale, uno dei vantaggi principali delle applicazioni in SaaS sta anche nell’essere prevalentemente basate sugli standard e gli approcci del modello web/cloud, il che permette in teoria una loro notevole apertura e possibilità di integrazione con altri moduli, tanto che molte software house affiancano alle loro applicazioni in SaaS veri e propri “app store” di applicazioni e servizi complementari di terze parti da acquistare, attivare e collegare alle proprie in pochi passi.

Inoltre va tenuto ben presente che gli ambienti cloud dei software in SaaS sono basati su infrastrutture che possono aumentare la potenza di calcolo e storage offerta ai clienti a seconda delle loro necessità, anche di picco momentaneo e non su base regolare.

Software as a Service: svantaggi

Il modello ha ovviamente anche i suoi svantaggi, o perlomeno alcune criticità che vanno tenute presenti. La principale sta nella gestione dei dati aziendali, che in teoria sono localizzati nei data center del cloud provider e questo può essere giudicato un rischio per la privacy delle informazioni o addirittura costituire una violazione delle norme che devono osservare le aziende operanti in settori particolari (PA, sanità, difesa…).

Per questo a volte si adottano implementazioni ibride in cui i dati restano all’interno dell’azienda, anche se la logica dell’applicazione è in cloud, oppure si forza la localizzazione dei dati in particolari data center su un certo territorio.Ad esempio le aziende europee possono preferire o dover scegliere quelli localizzati in Paesi UE.

Altri aspetti di cui tenere conto sono, principalmente:

  • le possibilità di integrazione dei servizi in SaaS con le applicazioni interne che non si possono, o vogliono, passare in cloud;
  • quanto sia semplice cambiare fornitore dopo che si è adottata una particolare applicazione (vendor lock-in);
  • le prestazioni e l’affidabilità delle connessioni che collegano l’utente con i server che erogano l’applicazione;
  • l’affidabilità del fornitore, che potrebbe essere acquisito, decidere di non portare avanti lo sviluppo della nostra applicazione o, più all’estremo, uscire dal mercato.

Valgono insomma le stesse considerazioni fatte più in generale per quanto riguarda le best practice per l’adozione del cloud pubblico.

JDA, l’AI affronta e risolve gli imprevisti nella supply chain

La soluzione cloud Luminate Control Tower offre visibilità real time e raccomandazioni o azioni basati su machine learning, spiega Fabio Tiozzo, Strategy Services Director Emea

Il CRM per i servizi di Salesforce è sempre più integrato con Google e...

Annunciate le integrazioni del CRM per il customer service con la IA di Google per creare chatbot e con WhatsApp for Business. Obiettivo: migliorare l'esperienza dell'utente e la sua soddisfazione.

Proofpoint, alla ricerca dei “Very Attacked People”

Partita dall’email security, oggi l’azienda protegge anche mobile app, social e SaaS. Il country manager Luca Maiocchi: “In Italia 50 nuovi clienti in meno di due anni”

Amazon Web Services in Italia: la Cloud Security ha cinque facce

Un aggiornamento sulla struttura nel nostro Paese e una panoramica sulle funzioni di protezione di dati e sistemi, raccontati da Danilo Poccia, Principal Evangelist Serverless AWS

Nella “Salesforce economy” l’Italia è la country che cresce di più

Oltre 6000 iscritti e 2000 aziende al Basecamp Milano 2019 della multinazionale del CRM in cloud. FC Inter, Lamborghini e Nicolaus Viaggi i testimonial sul palco

Red Hat: “L’Open source ha vinto”

Al summit di Boston annunciata una partnership con Microsoft. Le novità di Enterprise Linux 8 e OpenShift 4

Infor vuole offrire alle PMI un ERP in cloud di classe “enterprise”

ERP as a Service, soluzioni micro-verticali pronte all'uso per aziende di ogni tipo e una suite di prodotti per ogni esigenza, ma aperta a integrazioni con terze parti. La proposta Infor per permettere alle PMI di adottare un ERP in modo rapido e con costi contenuti.

15 anni di Gmail, il pesce d’aprile più sorprendente di Google

Google ha annunciato Gmail il 1 aprile del 2004, e tutti abbiamo pensato che fosse sicuramente uno scherzo: in un mondo di caselle email da pochi megabyte, chi mai avrebbe potuto offrirne una gratuita da 1GB?

La Fattura Elettronica integrata nel CRM in cloud, da provare gratis

Il CRM in cloud Teamleader offre ora anche la possibilità di fare e ricevere fatture elettroniche, che aziende e gran parte dei professionisti saranno obbligati a trattare dal 1 gennaio. E si può provare gratuitamente.

La fattura elettronica arriva nel CRM Teamleader

La società belga, che in Italia ha circa 700 clienti, ha adeguato la sua soluzione alla nuova normativa. Una piattaforma che gestisce il percorso che va da lead alla fatturazione, passando per CRM, preventivo e gestione del progetto
Workday rising

Workday Rising 2018: l’intelligenza artificiale al servizio del cliente

Tante le novità annunciate da Workday nel corso dell’annuale evento riservato ai clienti dell’area europea, a cominciare dalla centralità dell’intelligenza artificiale.

Lo Human Capital Management di Workday arriva in Italia

Workday, azienda nata nel 2005 per produrre applicazioni per la gestione finanziaria e le risorse umane erogate in modalità software as a service, aprirà una sede in Italia, precisamente a Milano.

TeamSystem spinge su digitale e cloud, unificando il canale di vendita

Forte crescita del software as a service e servizi cloud, da sostenere con formazione del canale di vendita e la trasformazione digitale della filiera del valore

Gestire uno studio di commercialista come un’azienda

Fattura SMART è lo strumento per la fatturazione di microimprese e studi professionali. Semplicissimo e intuitivo, fa sentire il cliente parte integrante di un’organizzazione strutturata.

Come funziona Qlik Sense Cloud Business, l’offerta SaaS di Qlik

Qlik Sense Cloud Business è il servizio di data visualization software di Qlik offerto a PMI e gruppi di lavoro, ovvero la Visual Analytics su cloud per creare, gestire e condividere app.
hangouts

La chat di Google in ambito aziendale: Hangouts Meet ed Hangouts Chat

Il servizio di chat di Google è disponibile anche in ottica aziendale attraverso Google Hangouts Meet dedicato alle videoconferenze e Google Hangout Chat per le chat testuali.
RedBooth, project management software

Redbooth, come funziona il software per il project management

Redbooth è un software online dedicato alla gestione del project management, una valida alternativa a servizi come Asana e Trello. Ecco come funziona.
Akamai Enterprise Application Access

Accesso remoto facile e sicuro a utenti esterni alla rete aziendale

Questo white paper spiega come Akamai EAA possa eliminare la complessità della gestione degli accessi alle risorse senza richiedere dispositivi hardware o software aggiuntivi, fornendo un unico pannello di gestione e controllo delle procedure correlate.

La soluzione Akamai Enterprise Application Access per l’accesso remoto

Questo white paper mostra come EAA Akamai consenta l'accesso remoto a utenti esterni alla rete aziendale per rispondere alle esigenze di oggi in ambito mobile e cloud, garantendo sicurezza e semplicità di gestione.
4,081FansMi piace
1,898FollowerSegui

BrandPost (info)

DA NON PERDERE

threadripper

AMD: presto novità sui nuovi processori Threadripper

Se i nuovi processori Threadripper verranno svelati entro fine anno, la sorta della tecnologia CrossFire di prossima generazione non è altrettanto certa.
Cerebras Systems

È di Cerebras Systems il chip più grande mai realizzato

Cerebras Systems ha progettato il chip più grande di sempre che ha le stesse dimensioni di una tastiera di un computer. Lo scopo? Utilizzarlo per il deep learning.
app predefinite

Personalizzare le app predefinite di iOS? Dai Apple, ce la puoi fare

Con iOS 13 Apple potrebbe consentire agli utenti di controllare Spotify tramite Siri. Ma perché limitare ciò a una sola applicazione e perché non dare più libertà agli utenti nel personalizzare le app predefinite?