Come sappiamo, la pandemia ha innescato profondi cambiamenti nelle modalità di lavoro e nel workplace: la rivoluzione è in corso, e l’unica cosa certa è che vivremo in una “nuova normalità” con molta più flessibilità tra attività in ufficio e a casa.

Le tecnologie digitali ricoprono un ruolo decisivo nel supportare i nuovi modelli di lavoro, soprattutto se completate da best practice, prodotti e servizi per una gestione integrata e flessibile del workplace. Un esempio è l’offerta Work Together, Anywhere” di Ricoh, un insieme di soluzioni che indirizzano principalmente i seguenti ambiti:

  • Remote Working
  • Automazione dei processi
  • Infrastrutture e soluzioni in cloud
  • Customer Experience
  • Luoghi di lavoro smart e sicuri

Per quanto riguarda questo ultimo aspetto, entrano in gioco gli Smart Locker, una delle soluzioni che danno maggiormente l’idea di quanto il workplace stia cambiando.

ADV
Webinar IVA spese di viaggio

Resilienza del business: le priorità digitali delle medie imprese italiane nel 2021

Come si stanno muovendo i tuoi concorrenti per affrontare le sfide poste dai nuovi modelli organizzativi del lavoro? Questo white paper di IDC indica le priorità di spesa delle PMI su tre filoni: remote working, sicurezza e protezione dei dati. SCARICA IL WHITE PAPER >>

Si tratta di “armadietti intelligenti” simili a quelli che si utilizzano per il ritiro di prodotti comprati con l’e-commerce e che nei contesti lavorativi sono ideali per molteplici utilizzi – anche in ottica di Welfare.

L’offerta di Smart Locker Ricoh si declina in particolare in cinque tipologie di soluzioni. I Parcel Locker consentono ai dipendenti la gestione della spedizione e del ritiro dei pacchi personali sul posto di lavoro. I Refrigerated Locker sono ideali, ad esempio,nei piani di welfare aziendale per permettere al personale di ordinare lunch box e pasti pronti in alternativa alla mensa. Gli Smart Inventory & Asset Management Locker supportano la distribuzione di asset aziendali come pc, smartphone e attrezzature tecniche. I Daily Locker sono perfetti per la custodia dei beni personali, anche per periodi prolungati, e dispongono anche di prese elettriche per la ricarica. Infine, i Luggage Locker sono pensati per la custodia in sicurezza di borse, valigie ed effetti personali.

I casi Sodexo e Marchesini Group

Molte sono le aziende italiane che hanno già scelto gli Smart Locker Ricoh, tra cui Sodexo e Marchesini Group.

Sodexo, la multinazionale che offre servizi di ristorazione, facility management, educativi e di Benefits&Rewards, in Italia conta 11.000 collaboratori. È un’azienda molto attenta al benessere dei dipendenti, i suoi e quelli dei suoi clienti, introducendo tecnologie e strumenti sempre nuovi in grado di impattare positivamente sul work-life balance. Un esempio? I dipendenti possono scegliere tra il ristorante aziendale e Lunchbox, un servizio innovativo basato sugli Smart Locker refrigerati di Ricoh, particolarmente apprezzati per la possibilità di personalizzare la piattaforma software e di interfacciarla con l’app aziendale MySodexo.

“Abbiamo posizionato gli Smart Locker refrigerati Ricoh all’ingresso degli uffici in modo che tutti possano accedervi”, spiega Patrizia Salvatore, Rewards & HR-IS Med Region di Sodexo. “Tramite l’applicazione MySodexo, il dipendente seleziona e prenota il proprio pasto, che arriverà nello Smart Locker in tempo utile per la pausa pranzo, conservato in perfette condizioni igieniche. Per aprire la cella con il proprio pasto basta scansionare sul display dello Smart Locker il codice QR ricevuto alla conferma dell’ordine”.

Quanto a Marchesini Group, produttore emiliano di macchine per il packaging farmaceutico e cosmetico, l’adozione degli Smart Locker di Ricoh nasce dall’esigenza di conciliare welfare e produttività. “Per i dipendenti poter ricevere i pacchi ordinati via e-commerce direttamente in azienda è un grande vantaggio. Il rischio però è che la distribuzione di tali pacchi si traduca in un lavoro aggiuntivo per i magazzinieri”, spiega Valentina Marchesini, HR Manager dell’azienda.

“Ricoh, che era già nostro fornitore tecnologico, ha intercettato la nostra esigenza e ci ha proposto gli Smart Locker, soluzione che ci è sembrata da subito interessante ed è infatti molto utilizzata da tutti i dipendenti. Il nostro magazziniere – continua Valentina Marchesini – posiziona i pacchi all’interno degli scomparti. I destinatari ricevono una mail con un codice univoco da digitare sul display del Locker Ricoh per sbloccare gli sportelli in cui si trovano i loro pacchi. Tutti sono molto soddisfatti, anche perché gli Smart Locker sono semplici da utilizzare e garantiscono sicurezza e tracciatura delle merci”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!