Open Source

Open Source in azienda

open_source_keyboard-100659887-orig.jpgNel senso più ampio del termine l’open source è un modello di sviluppo in cui le informazioni necessarie a generare un prodotto sono disponibili a chiunque e cedute con una licenza che ne permette la modifica arbitraria e quindi, si suppone, il miglioramento progressivo del prodotto stesso da parte della comunità degli utenti con adeguate capacità tecniche.

Il termine è usato quasi sempre in relazione allo sviluppo software: in questo caso il software open source è un applicativo il cui codice sorgente è liberamente consultabile e modificabile da qualsiasi sviluppatore.

Questo non significa necessariamente che il software open source sia anche gratuito per chiunque. A seconda della licenza che lo accompagna, il codice sorgente può essere rilasciato dallo sviluppatore solo a scopo di ispezione (frequente nell’ambito dei software di crittografia per esempio), per favorire l’integrazione con altri software aziendali, a scopo di studio e ricerca ma non per utilizzi commerciali.

Quando il software è accompagnato da una licenza open source generica, che consente accesso, modifica e ridistribuzione alle stesse condizioni dell’originale, siamo in presenza di software libero e gratuito (Free Open Source Software, FOSS).

Non è comunque infrequente che aziende e sviluppatori che distribuiscono software libero e open source richiedano un pagamento. In questo caso non si sta acquistando la licenza, ma il lavoro di integrazione con gli altri software aziendali, consulenza e formazione, la messa in opera, la manutenzione e gli aggiornamenti. Si pagano cioè i servizi correlati, e non il software stesso.

Crescita dell’open source in azienda

Il modello dell’open source nello sviluppo software esiste quasi da sempre, su base volontaria, ma è stato formalizzato alla fine degli anni Novanta con la nascita della Open Source Initiative e la crescita della Free Software Foundation.

Il software open source ha tradizionalmente avuto una diffusione limitata tra il pubblico consumer ma molto marcata fra i tecnici e gli sviluppatori, a partire dal suo esponente principale che è il sistema operativo Linux. Negli anni altri programmi open source hanno raggiunto una grande notorietà – dal pacchetto OpenOffice.org (che ha dato origine al più moderno LibreOffice) al web server Apache, dal browser Firefox all’application server JBoss.

In questi ultimi anni la grande diffusione delle applicazioni web, della virtualizzazione e del modello cloud ha portato l’open source in primissima linea perché molti componenti software indispensabili in questi ambiti sono prodotti open source.

Negli ultimi anni sono state introdotte nella pubblica amministrazione delle linee guida per l’adozione del software open source, facendolo preferire a soluzioni proprietarie. La cosa ha numerosi vantaggi e qualche svantaggio (leggi: Open Source nella PA: rischi e opportunità), ma in alcuni casi il risparmio economico dell’adozione dell’open source è stato minore di quanto atteso.

Contributi open source dalle aziende

Ultimamente, molte aziende che inizialmente si sono limitate a usare software, hanno cominciato a contribuire al loro sviluppo rilasciando al pubblico modifiche, bug fix e aggiornamenti sviluppati internamente. La tendenza è senz’altro interessante, e unica garanzia dello sviluppo ulteriore del software che si utilizza, ma non sempre le aziende valutano tutte le conseguenze di questa pratica, né tutte le implicazioni delle licenze sotto le quali stanno distribuendo il proprio codice.

È bene ricordare che non è obbligatorio rilasciare pubblicamente tutte le modifiche effettuate a un software libero e open source: fintanto che ci si limita a usarlo in azienda, e non lo si ridistribuisce o rivende con una licenza differente (questa sì, pratica vietata da quasi tutte le licenze open source), si sta comunque operando nei rispetto della licenza. Come abbiamo spiegato in questo articolo, i CIO delle aziende che contribuiscono a progetti open source, dovrebbero chiarire tutte le conseguenze e stabilire delle policy per i propri sviluppatori.

Hardware Open Source

Da qualche tempo il modello open source si è affermato anche nell’hardware con il successo del fenomeno Arduino. L’azienda nata in Italia ha progettato piccole schede elettroniche programmabili anche da non esperti con un linguaggio di scripting e ha ceduto gli schemi di progettazione con una licenza open source, dando così il via a un mercato di prodotti compatibili che ha poi convolto anche aziende più note come Intel e Microsoft.

Il modello dell’open source hardware è stato seguito anche da altri nella progettazione di veri e propri micro-computer basati su Linux, come Raspberry Pi e BeagleBone.

Un altra categoria hardware in cui l’uso dell’open source è molto diffuso, anche se limitatamente al firmware, è quello delle appliance di rete. Qui per esempio sono disponibili alcuni router/firewall open source che è possibile installare su PC, cloud o in alcuni casi modelli di router e firewall in commercio, in alternativa al firmware fornito dalla casa.

google istio 1.0

Ecco Istio, l’ultimo progetto open source di Google

Google ha reso disponibile Istio 1.0, la piattaforma cloud open source che estende il servizio Kubernetes
gestione magazzino

I migliori software gratuiti per la gestione del magazzino

Dieci strumenti open source per il controllo delle scorte e dell’inventario, che permettono alle aziende di risparmiare denaro e offrire un servizio migliore ai clienti

Quattro alternative gratuite a Microsoft Office

I migliori software open source per aziende e professionisti che cercano una suite di produttività alternativa a Microsoft Office

I 25 anni di Red Hat, all’insegna dell open source

L'azienda guarda ora al futuro, con l'obiettivo mantenere un ruolo centrale nel mondo dell'open source, puntando su persone pronte a sostenere la cultura del software libero.
open source 20 anni

L’open source compie 20 anni

Il termine “open source” fu coniato da Christine Peterson il 3 febbraio 1998. In vent’anni l’open source si è trasformato da una minaccia a un’opportunità e oggi è presente in ogni piattaforma cloud
open-source

13 società open source da tenere d’occhio nel 2018

Dal cloud computing alle applicazioni al machine learning, l’offerta di software open source è sempre più ampia e rappresenta una risorsa contro il vendor lock-in
github

GitHub apre il programma per sviluppatori ai titolari di account gratuiti

Offrendo accesso gratuito al suo Developer Program GitHub punta ad attirare la comunità open source
libreoffice 5.2

LibreOffice 5.2 offre nuove funzionalità utili alle imprese

Sicurezza di livello militare, accesso rapido alle funzioni di uso frequente, interfaccia flessibile ottimizzata per gli schermi più piccoli: l’ultima major release della suite di produttività open source è un’alternativa business-ready a Microsoft Office

Open source nella PA: rischi e opportunità

Sebbene il Codice dell'Amministrazione Digitale faccia riferimento al software open source, diverse amministrazioni pubbliche sono ancora titubanti verso il suo impiego. Ecco perché.
gnome-workstation-welcome

Fedora 24, il sistema operativo progettato per i container

Il software open-source, sviluppato nell’ambito del Fedora Project, è disponibile nelle versioni Workstation, Server e Cloud
open-source

Ciò che i CIO non sanno del software open source

Secondo il sondaggio di Black Duck Software, anche le aziende che contribuiscono ai progetti open source hanno poca comprensione sull’utilizzo e la regolamentazione del software libero

Cosa possono imparare i CIO da Facebook e l’uso dell’open source

Facebook ha parlato della sua filosofia sull’open source alla conferenza @Scale, condividendo anche qualche consiglio per i professionisti IT

Forza open source: la Difesa italiana adotta LibreOffice

Siglato un accordo di collaborazione tra l’Associazione LibreItalia Onlus e la Difesa, la prima pubblica amministrazione a livello centrale che adotta un software di produttività open source

Quando l’open source è meno conveniente dei software a pagamento

Il caso di Pesaro dimostra come non sempre affidarsi a soluzioni gestionali open source faccia risparmiare rispetto a pacchetti software a pagamento.

Da Arduino a Genuino, ma fatto in USA

L’intricata vicenda legale che dilania il marchio italiano dell’IoT costringe la società a puntare su un nuovo nome, prima che il danno d’immagine sia irreparabile
4,041FansMi piace
1,851FollowerSegui

BrandPost (info)

DA NON PERDERE

microsoft teams

Microsoft Teams supera Slack: tutto merito di Office 365?

Un sondaggio di Spiceworks ha rilevato che Microsoft Teams ha superato il leader del mercato Slack, grazie soprattutto alla sua inclusione in Office 365… ma non solo.
edge computing

Il 2019 tra quantum ed edge computing, blockchain e archiviazione

Nigel Tozer di Commvault riflette su alcuni trend che caratterizzeranno il 2019 tra quantum ed edge computing, blockchain e archiviazione.
sicurezza cloud

Sicurezza cloud: analisi dei trend e consigli su come rafforzarla

I benefici garantiti dal cloud alle aziende sono ormai chiari e li conosciamo da tempo: maggiore flessibilità, agilità, scalabilità e riduzione dei costi. Tuttavia,...