Il futuro del lavoro secondo Office tra coach vocali e telecamere intelligenti

Office sta per rinnovarsi. PowerPoint Cameo incorporerà il flusso dei vostri team nella presentazione e Speaker Coach vi incoraggerà a parlare più correttamente durante le riunioni.

Nel 2010 la fotocamera intelligente Kinect di Microsoft ci riconosceva e ci faceva effettuare l’accesso l’accesso alla nostra Xbox. Ora Microsoft sta applicando gli stessi principi alle riunioni, annunciando il supporto per una futura gamma di telecamere intelligenti che ci metteranno in evidenza nelle riunioni ibride.

Il supporto per le fotocamere intelligenti in Microsoft Teams è solo una parte dei numerosi annunci che Microsoft ha fatto ieri in merito al futuro del cosiddetto lavoro ibrido, in cui i dipendenti navigano tra il lavoro a casa e quello in ufficio. Le nuove funzionalità includono la possibilità di dire ai colleghi se lavoreremo da casa o in ufficio tramite Outlook e di trasmettere video in streaming di noi stessi mentre facciamo una presentazione PowerPoint.

Le videocamere intelligenti per riunioni rappresentano l’evoluzione dell’approccio di Microsoft al lavoro ibrido. L’amministratore delegato di Microsoft Satya Nadella ha fatto notare il cosiddetto “paradosso ibrido”: secondo i sondaggi di Microsoft, circa il 70% delle persone desidera tornare in un ambiente di lavoro tradizionale, ma al tempo stesso quel 70% richiede anche la flessibilità per lavorare da casa. Microsoft ha cercato di colmare questa lacuna offrendo una tecnologia grazie alla quale anche i lavoratori remoti si sentano parte di una riunione, inclusi smart speaker e display Surface Hub a grandezza naturale.

ADV
Webinar Finanziamenti a fondo perduto PNRR NextGen EU

L’IT as-a-service e le opportunità dei finanziamenti PNRR e NexGen EU

Come il modello IT as-a-Service e i finanziamenti NextGen EU e PNRR possono essere gli strumenti giusti per erogare i servizi digitali richiesti dal business e dal mercato.      ISCRIVITI ORA >>

Le telecamere intelligenti sono il passo successivo. Il punto di confronto più semplice è il già citato Kinect, che però ha avuto uno scarso successo poiché non è riuscito a ottenere trazione con gli sviluppatori di giochi e i consumatori hanno evitato di pagare di più per una console già costosa. Ma Microsoft ha dichiarato ieri che il riconoscimento facciale in stile Kinect sarà incluso come parte delle fotocamere intelligenti di Jabra, Neat, Poly e Yealink nei prossimi mesi.

Ecco come funzioneranno le telecamere intelligenti basate su Microsoft: in primo luogo, sono progettate per riconoscerci, identificandoci all’interno della riunione. In secondo luogo, l’intelligenza artificiale osserverà la nostra bocca e i nostri gesti per determinare se stiamo parlando, offrendoci più spazio sullo schermo se Teams è impostato per dare la priorità agli oratori. Infine, anche se la telecamera catturerà effettivamente un flusso video e audio dell’intera stanza, la stessa intelligenza artificiale “interromperà” i singoli flussi dal video e simulerà l’effetto di una finestra video dedicata a ciascuna persona.

Tutto ciò presuppone che siano in gioco telecamere di qualsiasi tipo. Secondo un recente sondaggio di Frost & Sullivan citato da Microsoft solo il 7,8% di tutte le sale riunioni è però abilitato per il video. L’argomento di Microsoft è che uno speaker centrale per gli utenti remoti (“Ciao, mi senti?”) non basti e faccia sentire gli utenti remoti come partecipanti secondari. Fino al debutto di queste telecamere intelligenti, Microsoft ha affermato di ritenere che una buona alternativa sia semplicemente portare il laptop a una riunione, disattivare l’audio e lasciare che la webcam rivolta all’utente crei una finestra video che possa apparire insieme a tutti gli altri.

Nuove funzionalità di lavoro ibride che appaiono in Teams, Outlook e altro

Anche le altre app di Office riceveranno aggiornamenti progettati per potenziare il lavoro ibrido. Come tende a fare Microsoft, Teams sta assimilando funzionalità che sono state implementate anche in altri contesti. A marzo, Microsoft ha lanciato Presentation Coach, in cui l’intelligenza artificiale analizza vari aspetti della presentazione di PowerPoint e offre consigli. Ora la stessa intelligenza artificiale viene applicata a Teams, dove una nuova funzione Speaker Coach consiglierà sulla velocità giusta con la quale parlare, avviserà se stiamo interrompendo una persona e ci ricorderà di porre domande. Speaker Coach debutterà nel 2022.

Anche Outlook è stato leggermente rinnovato per sfruttare il lavoro a distanza. Per prima cosa, l’invio di RSVP a una riunione è in fase di rielaborazione: Outlook ora consentirà a coloro che rispondono di specificare se lavoreranno a casa o in ufficio, spingendo gli organizzatori a trovare una soluzione ibrida se un numero sufficiente di partecipanti lavorerà in remoto. Microsoft sta anche introducendo quello che chiama “orario di lavoro” per annunciare manualmente la nostra posizione per la settimana, sia in ufficio che a casa, e in quali giorni. Queste nuove funzionalità verranno implementate all’inizio del prossimo anno.

PowerPoint sta inoltre adottando una funzionalità che altre app di presentazione offrono da tempo: la possibilità di condurre una presentazione in remoto apparendo in una piccola finestra video mentre le slide scorrono. Microsoft chiama questa esperienza “Cameo” e afferma che debutterà all’inizio del 2022. L’idea è che gli utenti remoti possano ancora presentare le slide utilizzando l’app Web di PowerPoint Live mentre utilizzano la fotocamera di Teams per apparire dal vivo. App autonome come mmhmm sembrano ancora offrire maggiore flessibilità, con sfondi personalizzati e altri effetti, ma è ancora una funzionalità che Microsoft sta tardando a offrire.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTOREMark Hachman
FONTEPCWorld.com
Mark Hachman
Senior Editor di PC World.com In qualità di Senior Editor dell'edizione americana di PCWorld, Mark scrive principalmente notizie e approfondimenti su Microsoft e le tecnologie dei microprocessori, oltre ad altri argomenti. In passato ha lavorato per PCMag, ExtremeTech, BYTE, Slashdot, eWEEK e ReadWrite. Pubblichiamo le traduzioni dei suoi articoli in virtù dell'accordo di licenza con le testate di IDG Communications. Lo trovate su Twitter come @markhachman