La gestione della supply chain (SCM) è un punto focale per le aziende che vendono prodotti, servizi, hardware e software. La catena di approvvigionamento include tutto ciò che è coinvolto nel flusso di merci da un’azienda ai suoi clienti o ad altre aziende. Non è qualcosa che può essere impostato e lasciato da solo: la vostra supply chain deve essere infatti valutata regolarmente in modo che rimanga efficiente e produttiva. È qui che entra in gioco il modello SCOR.

Definizione del modello SCOR

Il modello di riferimento per le operazioni della supply chain (SCOR) è progettato per valutare la vostra catena di approvvigionamento per l’efficacia e l’efficienza delle vendite e della pianificazione operativa (S&OP). La gestione SCM è complessa e l’implementazione di S&OP può essere difficile, ma il modello SCOR ha lo scopo di aiutare a standardizzare il processo e creare un modo misurabile per tenere traccia dei risultati. Funziona in tutti i settori utilizzando definizioni comuni che si applicano a qualsiasi processo della supply chain. Utilizzando il modello SCOR, le aziende possono giudicare quanto sia avanzato o maturo un processo della catena di approvvigionamento e quanto sia in linea con gli obiettivi aziendali.

SCOR 12.0

Sviluppato originariamente nel 1996 dalla società di consulenza gestionale PRTM, SCOR è approvato dal Supply-Chain Council, che ora fa parte dell’Associazione per la gestione della catena di approvvigionamento (ASCM), precedentemente nota come APICS. Il framework SCOR originale è stato sviluppato da AMR Research e dala società di consulenza Pitiglio, Rabin, Todd e McGrath (PRTM) ed è stato controllato da aziende come Intel, IBM, Rockwell Semiconductor e Proctor and Gamble. Il framework SCOR è stato progettato originariamente per aiutare a semplificare il linguaggio utilizzato per descrivere la gestione della supply chain classificandola in quattro processi: pianificazione, origine, produzione e consegna. La versione più recente del framework, SCOR 12.0, è stata rilasciata nel 2017 da ASCM.

La versione aggiornata include più “driver emergenti del successo della suply chain”, che coprono argomenti come omnicanale, metadati e blockchain. Il framework è stato modernizzato in modo che le migliori pratiche si allineino meglio con le strategie digitali, comprese nuove informazioni sulla formazione e standard di sostenibilità integrati utilizzando la Global Reporting Initiative (GRI). Anche il Digital Capabilities Model (DCM) e lo standard digitale SCOR (SCOR DS) sono stati rilasciati nel 2019 per rispondere alla crescente necessità di digitalizzazione nel modello SCOR.

carenza di chip

I sei processi primari di SCOR

Come struttura, SCOR si concentra su tutte le interazioni con il cliente dal momento in cui viene effettuato un ordine fino al pagamento della fattura. Ciò include tutto il materiale e i servizi necessari per completare le transazioni, inclusi forniture, parti, software e attrezzature. Anche le interazioni di mercato sono considerate parte del modello perché aiutano a stabilire la domanda.

I processi definiti nel framework SCOR sono esempi di ciò che comunemente avviene nella gestione SCM. Le vostre priorità aziendali potrebbero differire e alcuni passaggi potrebbero essere ridondanti o irrilevanti per i vostri obiettivi. Ma la maggior parte delle aziende dovrebbe trovare utile SCOR nell’organizzazione della propria catena di approvvigionamento: il framework utilizza definizioni standard e comuni in modo che possa essere adattato per supply chain semplici o complesse in qualsiasi settore.

Il modello SCOR si basa su sei processi gestionali:

  • Pianificazione: i processi di pianificazione includono la determinazione delle risorse, dei requisiti e della catena di comunicazione per garantire che siano allineati agli obiettivi aziendali. Ciò include lo sviluppo delle migliori pratiche per l’efficienza della supply chain tenendo conto della conformità, del trasporto, delle risorse, dell’inventario e di altri elementi richiesti dal SCM.
  • Origine: i processi di origine implicano l’ottenimento di beni e servizi per soddisfare la domanda di mercato pianificata o effettiva. Ciò include l’acquisto, la ricezione, l’analisi e la fornitura di materiale in entrata e accordi con i fornitori.
  • Creazione: include i processi che prendono i prodotti finiti e li rendono pronti per il mercato per soddisfare la domanda pianificata o effettiva. Definisce quando gli ordini devono essere effettuati su ordinazione, realizzati su ordinazione o progettati su ordinazione e include la gestione della produzione e la distinta base, nonché tutte le attrezzature e le strutture necessarie.
  • Consegna: tutti i processi coinvolti nella consegna di prodotti finiti e servizi per soddisfare la domanda pianificata o effettiva rientrano in questa voce, inclusi ordini, trasporti e gestione della distribuzione.
  • Restituzione: i processi di reso riguardano la restituzione o la ricezione di prodotti restituiti, sia da clienti che da fornitori. Ciò include i processi di assistenza clienti post-consegna.
  • Abilitazione: include i processi associati a SCM come regole aziendali, prestazioni delle strutture, risorse dati, contratti, conformità e gestione del rischio.

Metriche del modello SCOR e misurazioni delle prestazioni

Esistono tre livelli utilizzati per misurare le prestazioni della catena di approvvigionamento. Questi livelli aiutano a standardizzare le metriche delle prestazioni della supply chain in modo che le aziende possano essere valutate rispetto ad altre attività, anche se operano in modo diverso. Un’organizzazione più piccola può essere paragonata a un’organizzazione più grande, oppure le aziende possono giudicare le prestazioni della supply chain rispetto alle aziende di altri settori.

blockchain

Ci sono oltre 250 metriche SCOR nel framework, classificate in base a cinque attributi di prestazione: affidabilità, reattività, agilità, costi ed efficienza di gestione delle risorse.

I tre livelli comprendono:

  • Livello 1: definizione dell’ambito, comprese aree geografiche, segmenti e contesto. A questo livello, l’attenzione si concentra sulle sei principali configurazioni di processo: pianificazione, origine, creazione, consegna, restituzione e abilitazione.
  • Livello 2: Configurazione della supply chain, comprese le aree geografiche, i segmenti e i prodotti. Al livello 2, le metriche sono di alto livello e vengono valutate attraverso più processi SCOR. Questo livello include categorie di sottotipi che rientrano nelle categorie presenti nel Livello 1.
  • Livello 3: dettagli degli elementi di processo, che identificano le attività aziendali chiave all’interno della catena. A questo livello è possibile associare qualsiasi processo o sottocategoria di Livello 2 a un processo di Livello 3.

Modello di capacità digitali e standard digitale

Nel 2019, ASCM, insieme a Deloitte Consulting, ha rilasciato la versione 1 del Digital Capabilities Model (DCM), il cui obiettivo è aiutare i professionisti della supply chain a sviluppare reti di fornitura digitali utilizzando un modello di riferimento. Il DCM aiuta le organizzazioni a costruire e progettare le funzionalità abilitate digitalmente di cui hanno bisogno per “trasformare le loro catene di approvvigionamento lineari in un insieme di reti dinamiche”.

Ogni funzionalità DCM digitale è mappata su elementi dello SCOR Digital Standard (SCOR DS), un framework indipendente dalla piattaforma che collega processi aziendali, metriche, best practice e tecnologia in un formato semplificato. Lo SCOR DS ha introdotto 19 pratiche emergenti nel modello SCOR 12.0 per affrontare la “crescente necessità di digitalizzazione delle supply chain”. Le capacità digitali hanno reti della catena di approvvigionamento complicate, che richiedono il passaggio dal concentrarsi sulle “catene sequenziali” alle “reti simultanee”. Con DCM, le supply chain lineari possono essere trasformate in insiemi di reti dinamiche utilizzando soluzioni abilitate digitalmente.

supply chain

Le sei capacità principali di DCM sono:

  • Cliente connesso: questa funzionalità consente alle aziende di migliorare il coinvolgimento dei clienti durante i cicli di vita dei clienti, dei prodotti e dei servizi. Include esperienza del cliente, servizi sul campo connessi, monitoraggio e approfondimenti, monitoraggio intelligente dei prodotti, gestione dei problemi dei clienti e prodotto come servizio.
  • Sviluppo del prodotto: questa capacità include lo sviluppo e la gestione di prodotti e servizi che si adattano all’esperienza del cliente e possono essere trasformati in base a dati in tempo reale. Include anche la gestione di prodotti e portfolio, architettura della piattaforma di prodotto e ingegneria dei sistemi, sviluppo digitale, collaborazione allo sviluppo del prodotto e gestione della configurazione.
  • Pianificazione sincronizzata: questa funzionalità integra obiettivi aziendali strategici, obiettivi finanziari e piani tattici di rete di fornitura per “creare un piano aziendale connesso, simultaneo e sincronizzato”. Ha lo scopo di creare un processo decisionale interfunzionale più rapido, un servizio clienti migliorato e una collaborazione in tempo reale. Include la riconciliazione del piano aziendale, la progettazione della rete di fornitura, la pianificazione del ciclo di vita del portafoglio, la gestione intelligente della domanda, l’abbinamento domanda-offerta reattivo (RDSM) e l’ottimizzazione dinamica del flusso.
  • Fornitura intelligente: la fornitura intelligente si concentra sulla promozione di una migliore efficienza nelle operazioni di approvvigionamento migliorando le relazioni con i fornitori e mitigando eventuali rischi potenziali. Include funzionalità come analisi intelligente della fornitura, gestione delle categorie, esecuzione della fonte, gestione dei contratti digitali, elaborazione di fatture e pagamenti, collaborazione e approvvigionamento con i fornitori e conformità.
  • Operazioni intelligenti: questa funzionalità si concentra sui miglioramenti delle prestazioni e della sicurezza nella produzione e sincronizza tutte le fasi della produzione e delle operazioni. Include funzionalità come forza lavoro aumentata, sincronizzazione totale delle operazioni, esecuzione agile delle operazioni, supporto efficiente delle operazioni, centro di comando delle operazioni e strategia operativa.
  • Realizzazione dinamica: questa rete di sistemi interaziendali interconnessi punta a migliorare l’esperienza del cliente fornendo prodotti e servizi di qualità in tempo e in buone condizioni. Include funzionalità come segnali di adempimento automatizzati, catena di custodia e integrità, evasione degli ordini omnicanale, operazioni di magazzino efficienti, selezione ottimale del percorso, risposta di rete adattiva e operazioni di trasporto efficienti.

supply chain machine learning

Migliori pratiche SCOR

Esistono quattro tipi di best practice SCOR:

  • Pratica emergente: un processo che coinvolge nuove tecnologie, conoscenze o nuovi approcci all’organizzazione dei processi
  • Best practice: pratiche aggiornate che producono risultati coerenti e affidabili con le prestazioni della supply chain
  • Standard: pratiche tipiche utilizzate nel corso degli anni da più aziende in diversi settori che hanno prodotto risultati coerenti
  • In declino: pratiche obsolete che sono state utilizzate in modo coerente ma ora sono ridondanti o obsolete e fungono da blocchi per le prestazioni della supply chain

Una volta misurate le prestazioni delle operazioni della vostra catena di approvvigionamento, sarete in grado di trovare eventuali inefficienze o lacune. Un buon processo SCOR deve essere aggiornato, strutturato, comprovato e ripetibile. Ciò significa che non è all’avanguardia ma non è obsoleto; il processo ha obiettivi, portata e procedura chiari e ha dimostrato di avere successo ripetutamente in più ambienti.

Certificazione SCOR e formazione

L’ASCM offre una certificazione Supply Chain Operations Reference Professional (SCOR-P) che convalida le capacità e abilità con l’utilizzo del modello SCOR. Potete sostenere il programma SCOR Professional per prepararvi all’esame: il programma è progettato per “professionisti della catena di fornitura che cercano di capire come applicare il modello SCOR, come utilizzare e interpretare le metriche SCOR e come organizzare un tipico progetto SCOR”.