Zoom guarda alle nuove esigenze video in un mondo di lavoro ibrido

I piani di Zoom dopo l'acquisizione di Kites (servizi di traduzione) e quella di Five9 (servizi di call center), che è costata 14,7 miliardi di dollari

zoom

Spinta dalla corsa al lavoro a distanza causata dalla pandemia dello scorso anno, Zoom ha generato entrate per 2,6 miliardi di dollari nel 2020, un aumento del 317% su base annua che l’ha resa una delle app in più rapida crescita nel periodo della pandemia. Il numero di partecipanti alle riunioni online è aumentato del 2900% e, a dicembre, Zoom aveva 470.000 clienti aziendali e una valutazione superiore a 100 miliardi di dollari.

Quindi, mentre le aziende di tutto il mondo sono alle prese con una nuova concezione di lavoro ibrido dove alcuni lavoratori sono in ufficio, altri rimangono a casa, dove sta andando Zoom?

“Non c’è da preoccuparsi nel rimanere rilevanti” ha detto Magnus Falk, CIO Advisor di Zoom, quando gli è stato chiesto della prospettiva post-pandemia. “Il mondo è cambiato in modo drammatico e l’esigenza di poter interagire virtualmente è cambiata in modo evidente. I nostri utenti e clienti ci dicono che Zoom continua a rendere le loro vite più semplici grazie alla nostra tecnologia”.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Falk ha parlato delle prospettive di Zoom e di alcuni dei suoi piani dopo la recente acquisizione di Kites GmbH, una start-up focalizzata sui servizi di traduzione in tempo reale. Proprio questa settimana, la società ha dichiarato che avrebbe acquisito il fornitore di servizi di call center basato su cloud Five9 per 14,7 miliardi di dollari e lanciato Zoom Events per eventi virtuali, oltre ad aver svelato nuove integrazioni di app di terze parti. Ricordiamo che le app Zoom coprono una varietà di aree orientate al business, tra cui analisi, CRM, gestione degli eventi, produttività e vendite.

Sebbene Falk non abbia alluso all’acquisizione di Five9 e agli annunci di questa settimana prima che fossero pubblici, ha parlato di come stanno cambiando le esigenze dei clienti di Zoom. E ha parlato della piattaforma Zoom Phone (una mossa logica dietro l’acquisto di Five9) come una risposta a quelle esigenze degli utenti.

Falk ha indicato un aumento dell’interesse dei clienti per la piattaforma Zoom Phone, che offre effettivamente alle aziende una forma di comunicazione unificata, consentendo loro di alternare le chat video e le normali telefonate. Zoom ha venduto 500.000 sistemi nell’ultimo trimestre; un numero enorme se pensiamo che la società ha impiegato sette trimestri per venderne 1 milione.

Un’altra area su cui Zoom sta lavorando consiste nell’aiutare le aziende a tornare in ufficio preservando gli investimenti hardware esistenti, ha affermato Falk. In particolare, Zoom sta cercando di aiutare gli utenti a riutilizzare le sale riunioni in modo che possano rimanere uno spazio di lavoro produttivo anche negli uffici che utilizzano un modello di lavoro ibrido.

“Abbiamo lavorato duramente per garantire la compatibilità con le apparecchiature che le aziende potrebbero già avere in loco”, ha affermato Falk. “Utilizzando i nostri connettori per sale conferenze, ad esempio, vogliamo evitare quelle situazione in cui le aziende hanno un sacco di attrezzature da acquisti precedenti che non possono essere utilizzate quando si riattrezzeranno per il lavoro ibrido”.

leadership remote working

 

Per quanto riguarda i luoghi di lavoro ibridi, Falk ha affermato che all’inizio potrà sembrare un po’ innaturale il fatto che alcuni dipendenti sono seduti in una sala riunioni e metà dei loro colleghi ancora a casa. Ma funzionalità come la Smart Gallery di Zoom, che utilizza “l’intelligenza artificiale sensibile” per fornire un’esperienza di riunione virtuale più naturale, possono ridurre al minimo i problemi.

“Se implementate una strategia ibrida, ma tutti i vostri leader tornano in ufficio, questo probabilmente distruggerà l’intento generale del posto di lavoro ibrido”, ha affermato Falk. “Lavorando con i nostri clienti per comprendere le loro sfide e cercando di posizionare le innovazioni tecnologiche che Zoom può fornire, possiamo rendere queste sfide un po’ più semplici da affrontare”.

Alla domanda sul recente acquisto di Kites GmbH, Falk ha affermato che Zoom sapeva che i suoi clienti stavano cercando di comunicare in più lingue. Ciò ha portato all’acquisizione. “Francamente, alcune delle migliori invenzioni non provengono dall’interno dell’azienda”, ha detto. “Arrivano molte idee e ciò che il team del prodotto fa è lavorare per decidere quali scegliere per far avanzare la piattaforma e risolvere i problema aziendali”.

Dato che Zoom ha avuto successo anche per la sua facilità d’uso, Falk ha affermato che l’azienda sta cercando di bilanciare nuove funzionalità innovative che aggiungono valore mantenendo la piattaforma intuitiva e semplice.

Sebbene il panorama delle videoconferenze sia diventato competitivo, con piattaforme come Microsoft Teams, Cisco Webex Meeting, Google Meet e altre che rivaleggiano con Zoom, Falk ha affermato che è positivo che i clienti abbiano scelta. Ha sostenuto, non sorprendentemente, che Zoom intende continuare a innovare e lavorare a stretto contatto con le aziende su larga scala, aggiungendo che ora la piattaforma offre opzioni che gli utenti non possono trovare facilmente altrove.

“Stiamo aiutando i clienti a forgiare il futuro del lavoro”, conclude Falk. “Noi ascoltiamo, ci adattiamo e abbiamo il tipo di inventiva che consente ai nostri clienti di riconoscere che i loro dipendenti e i loro clienti vogliono cose diverse. E noi siamo qui per rendere tutto ciò possibile”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!