Perché Slack sta facendo impazzire gli investitori

La startup che produce un tool per collaborazione bello ed efficace ma non particolarmente innovativo ha raggiunto una quotazione di 2,8 miliardi di dollari. Cosa c'è sotto?

È passato davvero pochissimo tempo dal lancio del servizio di comunicazione per gruppi di lavoro Slack al suo ingresso nel club degli Unicorni (le startap con valutazione superiore al miliardo di dollari).

Quando l’azienda fu valutata 1,1 miliardi di dollari lo scorso ottobre alcuni osservatori sono rimasti molto perplessi, ma questa settimana l’azienda ha superato ancora sé stessa, raccogliendo un ulteriore finanziamento di 160 milioni di dollari, in aggiunta ai 180 già raccolti, e portando la valutazione complessiva dell’azienda a 2,8 miliardi.

A questo ulteriore round di finanziamento hanno aderito Horizons Ventures, Digital Sky Technologies (DST Global), Index Ventures, Spark Capital Growth and Institutional Venture Partners joined investors Accel Partners, Andreessen Horowitz, The Social+Capital Partnership, Google Ventures e Kleiner Perkins Caufield & Byers.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Il software enterprise as-a-service di Slack offre chat in tempo reale con archiviazione e ricerca delle discussioni. L’obietto dell’azienda è quello di rimpiazzare l’email come strumento principale per la comunicazione nei gruppi di lavoro. È disponibile una versione gratuita del servizio, con funzionalità limitate, e una a pagamento che costa 6,67 dollari al mese per utente.

L’azienda dichiara di avere 750.000 utenti attivi giornalieri e 200.000 account paganti, numeri raddoppiati dall’inizio dell’anno. Tra le aziende che utilizzano Slack ci sono Adobe, il New York Times, BuzzFeed, Live Nation, HBO e PayPal.

Slack ha “preso in prestito una pagina dal manuale di strategia consumer e ha rivoluzionato la comunicazione business, utilizzando un approccio al messaging di nuova generazione, ha detto Mike Volpi, un partner di Index Ventures, che ha fatto il suo ingresso nel Consiglio di Amministrazione come osservatore per conto della sua azienda. “Slack ha raggiunto livelli di crescita iniziale che si vedono raramente nel mercato enterprise”, ha aggiunto.

Di sicuro, Slack ha guadagnato parecchi utenti affezionati, come il suo “wall of love” su Twitter dimostra chiaramente. In ogni caso, deve fronteggiare concorrenti importanti, come HipChat e Yammer, e ha sofferto un duro colpo quando una grave falla di sicurezza è stata scoperta nei suoi sistemi a marzo. Quindi, cos’ha Slack di tanto speciale da aver catturato l’immaginazione degli investitori a questi livelli?

“Il punto cruciale è che Slack è focalizzata sullo sviluppare un’app di messaggistica specifica per il business”, ha affermato Charles King, analista di Pund-IT. “Le app consumer come WhatsApp di Facebook non sono davvero progettate per rispondere alle esigenze di sicurezza, complicance, gestione e altre caratteristiche richieste dalle applicazioni business.

La tecnologia di Slack tuttavia non è poi così innovativa, secondo T.J. Keitt, senior analyst di Forrester Research. “Slack non sta facendo o proponendo nulla che sia radicalmente innovativo rispetto al passato”, spiega Keitt. “Ci sono diversi esempi di chat persistente, o di flussi che mostrano un registro delle attività”.

La tecnologia di Slack non è poi così innovativa

In effetti, il vantaggio più grande di Slack potrebbe essere il tempismo, ha aggiunto.

“Siamo in un momento particolare dell’evoluzione delle aziende”, ha detto Keitt. “C’è un interesse molto forte nell’utilizzare strumenti di collaborazione a livello di team o dipartimento”.

Da molti punti di vista, la valutazione di Slack a 2,8 miliardi di dollari sottolinea più di ogni altra cosa la natura soggettiva del concetto di valore, ha detto King.

“È puramente una questione di domanda e offerta”, ha spiegato. “Sono sicuro che i venture capitalist coinvolti saranno in grado di spiegare in dettaglio perché ritengono che Slack valga davvero i soldi che stanno investendo, dicendo che la messaggistica è un argomento molto caldo, che le soluzioni business hanno un valore potenziale molto elevato, e la necessità di muoversi in modo veloce per non perdere opportunità. Sebbene Slack si stia muovendo molto bene e stia crescendo in modo ammirabile, questo round di finanziamenti mi sembra davvero un’enorme vaccata.

Il mercato per I software di collaborazione per gruppi di lavoro è affollato da numerose startup che competono per una fetta del mercato, concorda Frank Scavo, presidente di Computer Economics.

“Valutazioni recenti come quella di Slack sono insostenibili, ha aggiunto Scavo. Invece di riflettere un valore intrinseco, mostrano solo che ci sono “un sacco di soldi che cercano un posto dove andare”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTOREKatherine Noyes
FONTEComputerworld (US)
Katherine Noyes
Senior U.S. Correspondent di Computerworld US Katherine Noyes è una fervente geek fin da quando ha conquistato per la prima volta la Pyramid of Doom su un antico pc TRS-80. Oggi scrive di software enterprise in tutte le sue forme su CIO.com, Computerworld, InfoWorld, il Wall Street Journal e Deloitte Insight. E' specializzata in cloud computing, big data, analytics e intelligenza artificiale.