Nel 2021 le aziende aumenteranno la spesa per la collaborazione

Non sorprende che gli strumenti di collaborazione video e di squadra rimarranno una priorità aziendale nel prossimo anno poiché molti uffici si aspettano che rimangano chiusi almeno fino all'estate.

collaborazione

Dopo essersi adoperate nel 2020 per mantenere attive le operazioni aziendali in mezzo a una pandemia, le aziende prevedono una spesa ancora maggiore nel 2021 per quanto riguarda strumenti di collaborazione a supporto dei lavoratori remoti. Ma con i vaccini in fase di lancio e l’incertezza su come potrebbe essere un “ambiente di lavoro ibrido”, è probabile che quelle stesse aziende spenderanno con cautela a causa dell’incertezza sul contesto economico più ampio.

Anche con le vaccinazioni che offrono speranza per qualcosa di simile a un ritorno alla normalità nel prossimo anno, il lavoro a distanza rimarrà una necessità per molte organizzazioni. Più della metà (54%) degli intervistati a un sondaggio Pew pubblicato questo mese ha affermato di voler lavorare da casa “tutto o la maggior parte del tempo” quando l’epidemia di coronavirus sarà terminata, mentre un terzo lo farebbe “qualche volta.” Solo l’11% afferma che vorrebbe farlo “raramente o mai”.

La continua necessità di strumenti per connettere questi team remoti determinerà un aumento della spesa per la collaborazione il prossimo anno ha affermato Irwin Lazar, vicepresidente e direttore del servizio presso Nemertes Research. Non a caso un sondaggio sulle intenzioni di spesa per 12 mesi dalla metà del 2020 alla metà del 2021 da Nemertes Research ha indicato che poco più della metà (52%) degli intervistati prevede di aumentare i budget per le applicazioni video, mentre quasi la metà (45%) prevede di investire di più in app di collaborazione in team come Slack e Microsoft Teams. La ricerca di Nemertes nelle ultime settimane indica che le intenzioni di acquisto non sono cambiate molto nel frattempo.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Tuttavia, è probabile che gli aumenti della spesa siano relativamente modesti. “Nel complesso, penso che le aziende saranno caute il prossimo anno”, ha affermato Lazar. “Si aspettano infatti un aumento incrementale della spesa per la collaborazione nell’ordine del 10% o meno, con l’obiettivo di supportare meglio i lavoratori domestici e aggiungere più video; è proprio qui che si trovano le principali aree di investimento”.

Un futuro poco chiaro

Con una reale incertezza su quando la pandemia potrebbe finire e una ripresa economica globale sostenuta potrebbe iniziare, è probabile che molti reparti IT adotteranno un approccio attendista quando definiranno i budget per gli investimenti in strumenti di collaborazione nel 2021. Anche i dati della società di analisi IDC indicano che circa la metà delle aziende a livello globale (48%) prevede di aumentare la spesa per il software di collaborazione nel 2021.

“La necessità di potenziare la collaborazione nell’impresa è stata chiaramente una lezione appresa nel 2020” ha affermato Wayne Kurtzman, direttore della ricerca per la collaborazione presso IDC. “Il 2021 è il momento di migliorare questo potenziale attraverso integrazioni software e rendendo il software di collaborazione parte dello stack IT di base”.

Un report di 451 Research (Voice of the Enterprise: Workforce Productivity & Collaboration Technology Ecosystems 2020), che tiene traccia degli acquisti di tecnologia aziendale pianificati nella prima metà del 2021, dipinge un quadro simile, con la spesa per la collaborazione in crescita. “Nonostante la recessione economica derivante dall’epidemia di COVID-19, la spesa IT per la produttività dei dipendenti, per le comunicazioni e per le tecnologie di collaborazione rimarrà invariata o aumenterà nei prossimi sei mesi” ha affermato Raul Castanon, analista senior di 451 Research/S&P Global Market Intelligence.

remote working

451 Research ha rilevato che quasi quattro intervistati su cinque si aspettano che le proprie organizzazioni mantengano o aumentino la spesa in categorie che includono strumenti di condivisione e archiviazione dei contenuti (85%), collaborazione video (84%), apparecchiature e periferiche di lavoro remoto (83%), spazio di lavoro digitale (80%), messaggistica e collaborazione in team (79%) e comunicazioni unificate (77%).

Alcune di queste categorie vedranno aumenti significativi: circa la metà degli intervistati si aspetta infatti che le proprie organizzazioni aumenteranno la spesa in collaborazione video (51%), apparecchiature e periferiche di lavoro remoto (50%) e messaggistica e collaborazione di team (46%).

La strategia remota ibrida stimolerà una maggiore spesa

Nel 2021 molte aziende prevedono di supportare un più ampio mix di personale remoto e in ufficio, dando vita a quella che viene chiamata “strategia ibrida remota”. Un sondaggio Gartner all’inizio di quest’anno ha indicato che, a lungo termine, l’82% delle imprese lascerà che il personale lavori da remoto. È poi improbabile che un previsto ritorno in ufficio smorzerà l’entusiasmo per gli strumenti di collaborazione. “I nostri dati suggeriscono un uso più collaborativo della piattaforma e applicazioni più integrate in futuro, anche quando inizieremo a tornare sul posto di lavoro”, ha affermato Kurtzman.

È anche probabile che le aziende mirino a nuove spese per l’aggiornamento dell’hardware di collaborazione quando i lavoratori inizieranno a tornare in ufficio l’anno prossimo. “Il video farà parte di ogni riunione in futuro”, ha affermato Lazar, riflettendo sul fatto che molte aziende adotteranno un modello ibrido in cui alcuni lavoratori saranno in ufficio, mentre altri continueranno a lavorare da remoto.

Anche il miglioramento della configurazione del lavoro domestico sarà al centro dell’attenzione, poiché le aziende punteranno a potenziare dispositivi come cuffie e webcam che, in molti casi, sono state acquistate in fretta e furia come soluzione temporanea all’inizio della pandemia. È probabile che altri investimenti sul lavoro a distanza come la sicurezza e l’analisi delle prestazioni avranno la priorità. E molte aziende potrebbero aumentare gli stipendi per i lavoratori domestici per compensare i costi aggiuntivi legati alla gestione e manutenzione di un ufficio a casa.

Un’altra area di interesse su cui le aziende si concentreranno probabilmente sarà la ricerca di modi per ridurre i costi relativi agli investimenti in software di collaborazione esistenti. Ciò sarà particolarmente vero per le aziende con più soluzioni sovrapposte. “Le aziende con cui sto parlando ora si stanno concentrando su come ridurre i costi di supporto e licenza rivolgendosi a un unico fornitore integrato e su come spostare le piattaforme on-premise sul cloud più rapidamente di prima, tutte cose che in genere portano effettivamente a risparmi sui costi”, conclude Lazar.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!