google-cloud-search

Google ha annunciato la disponibilità di Cloud Search, un nuovo servizio destinato agli utenti aziendali. Cloud Search permette di trovare rapidamente contenuti da email, cloud storage e directory aziendali, fornendo agli utenti non solo i contatti dei loro colleghi, ma anche informazioni sui file condivisi e gli eventi del calendario. Cloud Search è progettato per aiutare in modo proattivo gli utenti a reperire le informazioni di cui hanno bisogno.

Quando gli utenti accedono a Cloud Search, dal web o dal proprio dispositivo Android, vengono accolti da “assist cards” che evidenziano i file più importanti. Al momento del lancio le cards visualizzano i file degli utenti che sono rilevanti per i loro prossimi eventi del calendario e quelli che richiedono attenzione sulla base di recenti modifiche. In Cloud Search gli utenti vedranno solo i file a cui possono accedere, in base alle autorizzazioni di condivisione ad essi connessi.

Cloud Search è stato annunciato l’anno scorso come Springboard, insieme al rinnovamento di Google Sites. La società sta lavorando ad altre funzioni e opzioni rivolte alle imprese più grandi come parte di una strategia voluta da Diane Greene, responsabile di Google Cloud.

Il servizio dovrebbe incoraggiare le aziende clienti di G Suite a spostare più dati e flussi di lavoro nella suite di produttività cloud di Google”, ha commentato Whit Andrews, vice presidente di Gartner. “Sposando eventi del calendario, dati e informazioni di directory, Cloud Search potrebbe convincere le aziende a spostare i loro dati da Exchange, per esempio, verso Google Calendar”.

Cloud Search sarà disponibile a livello globale per i clienti G Suite Business ed Enterprise a partire dalla prossima settimana, senza alcun costo aggiuntivo. Il servizio sarà immediatamente disponibile per i clienti che fanno parte del programma di rilascio rapido di Google, mentre i clienti che hanno scelto di ritardare gli aggiornamenti potranno accedervi in un secondo momento.

In questo momento, il servizio è stato progettato per funzionare solo con file memorizzati all’interno del cloud di Google, ma la società sta lavorando per integrare Cloud Search con terzi. Box si presenta come un forte concorrente per tale integrazione. L’azienda di cloud storage enterprise ha annunciato l’anno scorso che stava lavorando con Google per consentire ai clienti comuni di memorizzare i file dai software di produttività Google Docs, Sheets and Slides all’interno dei loro account Box.

Sarà interessante anche vedere come evolve Cloud Search a fianco del prodotto Delve di Microsoft. Progettato per i clienti Office 365, Delve ha lo scopo di aiutare gli utenti aziendali a trovare i file importanti tra quelli condivisi. Microsoft e Google sono impegnate in una lotta serrata per conquistare la leadership nei software di produttività per le aziende del futuro.

 

AUTOREBlair Hanley Frank
CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.
WHITEPAPER GRATUITI