Cisco recluta la lA per risolvere i problemi della videoconferenza. È la Cognitive Collaboration.

Cisco potenzia le sue soluzioni hardware e software per la collaborazione con algoritmi di intelligenza artificiale, per eliminare i mille problemi delle call/video conference, migliorare la produttività e ridurre i costi.

L’uomo è stato sulla Luna, ha connesso il mondo intero in un’unica rete che ha annullato le distanze, ha creato dispositivi tascabili con una potenza di calcolo inaudita, che sfruttano algoritmi potentissimi per realizzare applicazioni di ogni tipo. Eppure, ogni volta che dobbiamo fare una tele o video conferenza ci troviamo ad arrancare di fronte alle stesse, solite difficoltà:

  • “Scusate, il calendario aveva sbagliato il fuso orario…”;
  • “Puoi parlare più forte? Non ti sento. Tu mi senti?”;
  • “Potete spostarvi dalla finestra? Vi vedo tutti come una macchia nera…”;
  • “Chi sta parlando ora? C’è Mario collegato?”;
  • “Scusate, il pc non si collega al videoproiettore”;
  • “Chi sta digitando può smettere subito o usare un microfono esterno? Si sente solo il ticchettio dei tasti”…
adv
Investimenti Oracle NetSuite

Prendere decisioni strategiche informate grazie a Business Intelligence e Analytics

Una piattaforma di BI e Analytics deve offrire ai decision maker tutti gli strumenti necessari per migliorare l'efficienza e individuare nuove opportunità prima della concorrenza. Presentiamo una serie di preziose risorse e ricerche in Pdf per approfondire questo argomento da un punto di vista tecnico e strategico. SCARICA LE GUIDE >>

“Quando dobbiamo guardare un video su Netflix, non abbiamo bisogno di richiedere l’assistenza di un tecnico IT. Con le videoconferenze, spesso è ancora necessario”, dice Michele Dalmazzoni, Collaboration & Industry Digitisation Leader di Cisco EMEAR South. Per offrire agli utenti aziendali la stessa immediatezza e semplicità che si sono abituati ad apprezzare nei prodotti consumer, Cisco sta potenziando le sue soluzioni di collaborazione con algoritmi di intelligenza artificiale (i software WebEx Teams, WebEx Calling e WebEx Meetings ma anche dispositivi hardware Webex Room per sale riunioni e “huddle rooms”) unificandole sotto il nome di Cognitive Collaboration.

Cisco WebEx Room

Collaborazione con l’inteligenza artificiale

In cosa si traduce praticamente tutto ciò? Innanzi tutto, entrando in una stanza in cui è presente un dispositivo Cisco Webex Room, il sistema riconosce il nostro volto e, se abbiamo una videoconferenza prenotata in agenda, ci viene proposto di unirci alla riunione. In alternativa, possiamo usare l’assistente vocale Webex Assistant per entrare una chiamata o invitare un collega semplicemente pronunciandone il nome. Il sistema userà la rubrica aziendale e le passate interazioni per identificare il più probabile destinatario dell’invito, prima di chiederci conferma.

Una volta attivata una videoconferenza, vengono usati filtri ed effetti per ottimizzare e ripulire audio e video, ma anche una regia automatica che – ingrandendo e ritagliando il video di una sola webcam – è in grado di identificare chi sta parlando, inquadrarne il volto in primo piano e isolare i rumori estranei.

Prima e durante la chiamata con persone esterne, un software può setacciare il web e i social media – in particolare LinkedIn ma non solo – per offrire sullo schermo informazioni sull’interlocutore, dalla posizione in azienda agli ultimi post pubblici, in modo da avere tutte le informazioni di contesto che spesso sono molto utili per avviare una conversazione. Servizi come questi derivano dall’acquisizione di Accompany, di circa un anno fa.

Al momento, il WebEx assistant è disponibile solo in lingua inglese, mentre i dispositivi WebEx Room vendute in Italia sono in grado di supportare le soluzioni IA di riconoscimento volti e regia automatica.

Non solo riunioni aziendali

La videoconferenza si sta diffondendo molto anche per comunicazioni professionali al di fuori dell’azienda e del circolo dei partner. Viene per esempio usata sempre più spesso dalle risorse umane per valutare i candidati in colloqui da remoto, ma anche da banche e assicurazioni come metodo di contatto con la clientela. Diventa quindi ancor più importante poter contare su qualità ed esperienza d’uso soddisfacenti.

Dispositivi specializzati possono poi permettere ai team distribuiti di collaborare da remoto anche in situazioni che in passato richiedevano incontri fisici. È il caso per esempio del gruppo Oberalp, noto ai più per i marchi Salewa o Evolv, che utilizza le soluzioni di videoconferenza Cisco per i meeting ma anche per permettere ai reparti di progettazione e produzione di valutare materiali e accessori, valutarne gli abbinamenti e studiarne le modalità di assemblaggio, grazie a una videocamera orientabile che può inquadrare non solo i partecipanti alla riunione, ma anche il piano di lavoro.

Oberalp ha il suo quartier generale a Bolzano, una sede a Belluno e altre due all’estero. “Da marzo abbiamo realizzato con WebEx più di 100 riunioni, molte delle quali richiedevano trasferte. Questo ha consentito di ridurre i costi di viaggio e di personale, con un sensibile ritorno economico – afferma Maurizio Stroppa, CIO e responsabile Logistica del gruppo Oberalp – ma questo non è il solo vantaggio: possiamo lavorare in modo più veloce sulla validazione dei prototipi, riducendo il time to market”.

Andrea Grassi
Editor di Computerworld e CIO Italia Giornalista professionista, ma con una formazione tecnico-scientifica, dal 1995 ha lavorato per alcune delle più importanti testate di informatica in Italia. È stato redattore di .Net Internet Magazine, il Mio Computer e MacFormat, responsabile di redazione di Computer Magazine, PC Magazine, Hacker Jorunal, Total Computer e del portale CHIP Download. Come publisher ha curato l’edizione italiana di CHIP, PC World, Macworld e ha ideato e lanciato le riviste mensili iPad Magazine e Android Magazine. È autore dei libri Windows XP per tutti e Mac OS Tiger pubblicati da McGraw-Hill e ha tradotto svariati altri manuali di programmazione, cybersecurity e per software professionali. Dal 2015 cura per Fiera Milano Media le testate Computerworld e CIO Italia dell’editore americano IDG. Ha seguito in particolar modo l’evoluzione di Internet, dagli albori della sua diffusione di massa, analizzandone gli aspetti tecnici, economici e culturali, i software di produttività, le piattaforme web e social, la sicurezza informatica e il cybercrime. Più di recente, segue le tematiche relative alla trasformazione digitale del business e sta osservando come l’intelligenza artificiale stia spingendo ogni giorno più in là il confine della tecnologia. Puoi contattarlo via email scrivendo ad andrea.grassi@cwi.it e seguirlo su Twitter (@andreagrassi) o Linkedin.