Box: il CEO Aaron Levie parla del futuro del lavoro remoto

Azienda inizialmente incentrata sulla condivisione di file basata su cloud, Box ora offre funzionalità a supporto della produttività remota. Il CEO Aaron Levie parla dell'evoluzione della sua azienda e di come il lavoro sia destinato a cambiare.

box

Le aziende hanno dovuto adattarsi rapidamente al lavoro a distanza durante la pandemia di COVID-19, ma secondo il CEO di Box, Aaron Levie, i cambiamenti di quest’anno sono solo l’inizio. La fase successiva vedrà i processi di lavoro d’ufficio digitalizzati e automatizzati per supportare i lavoratori ovunque si trovino.

Dal suo lancio come semplice app di condivisione file cloud nel 2005, Box ha attirato 97.000 aziende nella sua suite di collaborazione di contenuti. Negli ultimi anni ha sviluppato una gamma più ampia di funzionalità aziendali e proprio il mese scorso ha svelato un importante aggiornamento dell’interfaccia utente per supportare produttività e lavoro di squadra in remoto. Questa mossa è seguita al lancio dello scorso anno di Box Shield (prodotto incentrato sulla sicurezza) e di Box Relay per l’automazione del flusso di lavoro.

Box è inoltre una tra le molte grandi aziende che oggi adottano un approccio flessibile al telelavoro; i suoi 2.000 dipendenti potranno infatti lavorare da dove vogliono almeno fino al gennaio 2021. E mentre Levie prevede un approccio “ibrido” negli anni a venire, con le sedi degli uffici che continueranno a svolgere un ruolo importante, è probabile che la percentuale di lavoratori che lavorano da remoto raddoppierà.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

A seguito di un forte trimestre finanziario sostenuto dalla domanda di app cloud, Levie, di cui vi proponiamo un’intervista realizzata dai nostri colleghi americani di Computerworld, ha parlato della roadmap di Box e del perché il futuro del lavoro sarà “digital-first” indipendentemente dal fatto che i dipendenti siano in ufficio o a casa. 

In che modo Box si è evoluto da uno strumento di condivisione di file per supportare casi più ampi di produttività aziendale e collaborazione?

“Abbiamo raddoppiato i nostri investimenti in settori come l’automazione del flusso di lavoro per le nostre funzionalità di collaborazione e le nostre integrazioni con strumenti di terze parti come Zoom, Slack, WebEx e Office 365. La nostra piattaforma mira davvero ad aiutare le persone a lavorare da qualsiasi luogo e quindi ad automatizzare sempre di più i processi aziendali critici che avvengono all’interno dell’organizzazione”.

Mentre Box si è evoluto, è cambiato il modo in cui vedete la concorrenza?

“Beh, penso che la maggior parte della concorrenza sia costituita da società legacy; sistemi locali come condivisioni di file di rete e strumenti di gestione dei documenti. Ciò su cui ci concentriamo è aiutare le aziende a spostare i propri dati nel cloud, proteggere le loro informazioni, automatizzare i processi aziendali e fornire integrazione con ogni app che stanno utilizzando. L’aspetto che sta dando una marcia in più a Box è che facciamo tutto ciò in un unico posto, invece di avere molte applicazioni diverse che bisogna unire per gestire esperienze utente diverse.”

Il lavoro a distanza è aumentato in modo significativo in risposta alla pandemia. In che modo avete adattato la strategia di prodotto di Box per far fronte alla situazione che molte aziende stanno affrontando?

“Inizialmente, abbiamo imperniato la nostra strategia di prodotto per aiutare i clienti ad accedere e condividere in sicurezza i file da qualsiasi luogo, migliorando la funzionalità relativa alla sicurezza dei dati, al rilevamento delle minacce, alla classificazione dei documenti e al rilevamento del malware. Ecco perché abbiamo creato Box Shield. Quindi ci siamo concentrati sull’assicurare di poter migliorare le esperienze di collaborazione e integrazione con Box, collaborando con aziende come Zoom e Slack e approfondendo le nostre integrazioni con tali piattaforme in modo molto semplice. Queste tre aree (sicurezza dei dati, collaborazione e flusso di lavoro) sono le grandi scommesse in questo momento come piattaforma”.

Il mese scorso avete annunciato che la forza lavoro di Box sarà remota fino almeno al gennaio 2021. Qual è stata la vostra esperienza con il lavoro a distanza e in che modo il cambiamento ha influito sulla produttività?

“Finora, è stata un’esperienza piuttosto semplice. Siamo un’azienda che funziona già quasi completamente nel cloud. Utilizziamo la tecnologia come Zoom, Slack e Okta per gestire la nostra attività, quindi siamo stati in grado di passare molto rapidamente a un ambiente cloud in termini di modus operandi. Addirittura abbiamo visto che la produttività non è mai stata così alta come ora. Stiamo fornendo software più velocemente di quanto non abbiamo mai fatto in precedenza e siamo in grado di metterci di fronte ai clienti in modo più efficiente, perché possiamo organizzare incontri tramite video. Siamo in grado di prendere decisioni più rapidamente come azienda. Sono incredibilmente felice e soddisfatto della fluidità con cui la nostra organizzazione ha risposto a questo evento”.

“Quello che stiamo vedendo è che ci sono molti modi in cui lavoravamo quando andavamo in ufficio che finivano per essere molto inefficienti o molto lenti. Quando passiamo al lavoro remoto, ciò che è veramente importante è che ci spostiamo in un modo di lavorare “digital first”. E quando si compie questo passo, si ottengono molti vantaggi perché è possibile iniziare a collaborare meglio con tutti i dipartimenti e i livelli dell’organizzazione. Non si lavora insomma solo con le persone che ci sono accanto, ma si collabora all’interno dell’intera organizzazione, con persone in tutto il mondo in modo molto semplice e digitale”.

Aaron Levie, CEO di Box

In che modo i vostri clienti e le aziende in generale si stanno adattando mentre questi processi di lavoro “office based” si spostano in ambienti digitali?

“La nostra visione è che il futuro sarà probabilmente un ibrido, dove avremo ancora uffici per grandi aziende perché ci sarà sempre e comunque una parte della forza lavoro che vuole entrare in ufficio e vedere persone, utilizzare una migliore connessione a Internet ed essere in grado di collaborare in tempo reale; ma al tempo stesso si vorrà anche avere più scelta e maggiore flessibilità per i dipendenti. Pensiamo che il futuro sia questa idea di essere in grado di lavorare da qualsiasi luogo e avere un posto di lavoro digital first che faccia da ponte tra l’ufficio fisico e l’ufficio virtuale”.

Cosa significherà tutto ciò per Box? Avete obiettivi in termini di proporzione della forza lavoro che sarà completamente remota?

“Abbiamo già circa il 15% dei nostri dipendenti che ha già lavorato da casa in precedenza. Mi aspetto che quel numero aumenti, forse al 25%, forse al 30%. Non conosco il numero massimo, ma introdurremo maggiore flessibilità per i dipendenti e penso che più persone trarranno vantaggio da tale flessibilità. Ma penso anche che l’ufficio avrà un aspetto diverso. Non staremo ore e ore nelle sale conferenze per lunghe riunioni interpersonali. Lavoreremo dalla nostra postazione di lavoro e faremo una videoconferenza dal nostro computer, anche se entreremo comunque in ufficio”.

Puoi parlarci della decisione del mese scorso di aggiungere nuove funzionalità a Box per supportare i lavoratori remoti?

“Avevamo un sacco di aree con cui volevamo migliorare molto rapidamente l’esperienza dell’utente nel lavoro remoto. Pensiamo che questo ambiente abbia due fasi. La prima fase è il passaggio immediato al lavoro remoto, con le persone che hanno bisogno di rispondere, in modo efficace, a una crisi. La seconda fase sarà quella in cui le aziende digitalizzeranno sempre più i loro processi aziendali manuali o fisici. In tal caso, vogliamo avere funzionalità che aiutino i nostri clienti a trasformare i loro processi aziendali, essere in grado di passare a più piattaforme digitali e di lavorare in un modo più digitale prima”.

Quanto è importante l’automazione del flusso di lavoro in particolare quando più aziende passano al cloud e supportano i lavoratori remoti?

“L’automazione del flusso di lavoro è fondamentale. Se ci si trova in un ufficio fisico, ci sono molti processi aziendali in cui qualcuno parla semplicemente con la persona accanto e si inizia un processo comunicando fisicamente con i colleghi. Quando ti trovi in un ambiente remoto o in un ambiente distribuito, devi trovare modi migliori per automatizzare quei flussi di lavoro in modo da non fare affidamento su quella collaborazione e comunicazione interpersonale così frequente. La nostra suite per il flusso di lavoro, Box Relay, è davvero fondamentale per aiutare i clienti ad automatizzare e guidare quel processo di flusso di lavoro all’interno dell’azienda.”

Hai citato la seconda fase delle organizzazioni che iniziano a digitalizzare i processi. Ovviamente questo varierà da una società all’altra, ma a che punto erano molte aziende prima di questa pandemia? È un grande salto in avanti per molti clienti digitalizzare su una scala così ampia?

“Penso di sì. È stato più facile per le aziende passare a una modalità di lavoro remota, ma ci vorrà ancora del tempo, i prossimi due anni, per digitalizzare completamente i processi aziendali sottostanti di molte organizzazioni. Pensiamo che si avrà un decennio di trasformazione che verrà accelerato in un periodo da uno a due anni. Ma ci vorrà ancora del tempo, perché si tratta in realtà di aziende che reinventano fondamentalmente i loro processi aziendali sottostanti per l’era digitale. E ciò richiederà un po’ di lavoro per ripensare al modo in cui queste aziende operano”.

Cos’altro può dirmi sulla roadmap dei prodotti Box o sulle priorità che vanno avanti?

“Non siamo mai stati più entusiasti come oggi della nostra tabella di marcia e della nostra strategia di prodotto. Pensiamo che quando le aziende passeranno al cloud, dovranno reinventare il modo in cui lavorano con i loro contenuti, come condividono i loro dati, come proteggono le loro informazioni. E vogliamo essere al centro del modo in cui le aziende lavorano con i loro dati nel cloud. Pertanto, questo sarà il nostro obiettivo”.