Claris Connect porta la trasformazione digitale nelle piccole aziende

Claris Connect è una nuova soluzione che offre alle aziende più piccole la possibilità di utilizzare lo stesso tipo di processi aziendali digitali dei loro concorrenti più grandi.

Claris Connect

Claris, azienda interamente controllata da Apple, ha reso disponibile Claris Connect, una nuova soluzione che offre alle piccole imprese la possibilità di competere con le grandi aziende quando si tratta dei vantaggi della trasformazione digitale. Abbiamo contattato il CEO di Claris Brad Freitag per saperne di più.

La sfida della trasformazione digitale

Nonostante tutti i discorsi sull’efficienza digitale, la sfida della trasformazione digitale è che i suoi vantaggi sono molto più facili da vedere se siete una grande impresa con un sacco di soldi da investire o con la capacità di lavorare con grandi attori nei servizi aziendali. Il problema è che le imprese più grandi diventano più efficienti e più produttive, il che mette sotto pressione i concorrenti più piccoli che non riescono a competere sugli stessi livelli.

La maggior parte degli utenti di piccole imprese finisce infatti per utilizzare diversi servizi di terze parti per varie attività. Box, Slack e Trello sono soluzioni molto in voga per diversi tipi di task e, sebbene sia possibile una certa integrazione tra queste app, i processi automatizzati specifici per le esigenze aziendali potrebbero essere più difficili da implementare. Ciò che serve è un modo per legare insieme in modo sicuro tutte queste soluzioni al fine di creare modelli di flusso di lavoro unici. Questo è proprio ciò che si propone di fare Claris Connect.

Claris Connect riunisce le app

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Connect è un servizio cloud che consente di integrare e automatizzare i tipi di app e servizi di terze parti normalmente utilizzati dagli utenti di piccole imprese. L’idea di fondo è che gli utenti delle PMI possano così ottenere lo stesso tipo di vantaggi dei processi aziendali automatizzati di cui godono le aziende più grandi.

“Nella moderna economia delle app, l’IT si sta allontanando dalla fornitura di sistemi software monolitici e completi perché costosi e inefficienti da costruire e mantenere. Ciò è particolarmente vero per le aziende di piccole e medie dimensioni. Al contrario, le app e i servizi migliori della categoria con le economie del cloud scale hanno molto più senso”, ha detto Freitag.

Il problema è che un tipico ambiente di lavoro finisce per richiedere più attività e flussi di lavoro utilizzando un numero crescente di app. Ciò consente ai lavoratori di dedicare più tempo “tra” le app, spostando manualmente i dati in flussi di lavoro ripetitivi che richiedono tempo. “Inserendo queste app in flussi di lavoro automatizzati, i dipendenti riottengono quel tempo e possono concentrarsi sugli aspetti importanti e creativi del loro lavoro”, continua Freitag.

Il sistema semplifica inoltre l’utilizzo da parte delle aziende di app e servizi cloud. Ciò è importante perché riduce la necessità per i dipendenti di fare affidamento su fogli di calcolo o shadow-IT. Questo approccio integrato consente a un’azienda di controllare il flusso/archiviazione dei dati e può aiutare a identificare il tipo di analisi dei processi aziendali che le organizzazioni più grandi stanno imparando a sfruttare oggi.

Perché questo è così importante?

Ci stiamo trasformando in un mondo profondamente automatizzato. L’intelligenza artificiale va ben oltre il chiedere a Siri di farci ascoltare canzoni soul degli anni ’60 e si spinge ormai verso l’automazione effettiva dei processi, delle pratiche e dello sviluppo di soluzioni profondamente personalizzate in entrambi i mercati B2B e B2C.

In un certo senso, tutto ciò non è nuovo, è solo ottimizzato. “I flussi di lavoro automatizzati sono semplicemente il coordinamento di app e servizi per integrare ed elaborare i dati in una sequenza operativa senza la necessità di intervento umano”, ha affermato Freitag, che ha anche fornito una breve spiegazione sul funzionamento dei flussi di lavoro di Claris Core.

“I flussi di lavoro iniziano con un evento scatenante. Tale trigger potrebbe essere un cliente che invia un modulo Web o un sensore IoT che legge una temperatura elevata o un dipendente che invia un’e-mail all’help desk, ecc. Quindi, a seguito di tale trigger, vengono eseguiti i passaggi in sequenza tra le altre app”.

“A questo punto, seguendo il modulo web del cliente, in un’app può essere creato ad esempio un record per l’organizzazione di un evento, vengono inviate le preferenze per il cibo, una e-mail di ringraziamento viene restituita al cliente e al team che organizza l’evento viene inviato un messaggio con un conteggio aggiornato dei partecipanti. Tutto ciò avviene automaticamente e immediatamente. L’esperienza del cliente è migliore e il team organizzatore ha a disposizione dati sempre aggiornati. La cosa migliore è che queste automazioni possono essere create in pochi minuti. Il ROI potenziale è enorme. La velocità della trasformazione digitale in atto in ogni settore richiede iper-agilità e la capacità di passare dall’idea al flusso di lavoro in pochi minuti.”

Sotto il cofano di Claris Connect

Con un’interfaccia utente grafica di facile utilizzo, Claris Connect è una soluzione flessibile in quanto è stata costruita per funzionare come soluzione senza codice, low-code e codificata. Ciò significa che offre una serie di modelli utili per molte attività (come la gestione dei lead, il monitoraggio dei ticket di lavoro IT, la gestione dell’elaborazione degli ordini e altre attività critiche) e include potenti funzionalità per lo sviluppo.

Di conseguenza, gli sviluppatori di Claris possono creare soluzioni su misura per i clienti, sfruttando strumenti di terze parti e la potente piattaforma FileMaker. Il prodotto viene lanciato con 50 connettori (servizi che integra), tra cui applicazioni ampiamente utilizzate come Trello, Slack e Box e soluzioni guidate dai servizi come DocuSign, Mailchimp e QuickBooks. Potete anche connettere API di terze parti da altre app utilizzando i comandi HTTP POST, purché supportati.

Claris Connect è basato su Claris Core, il che significa che i team DevOps, CloudOps e SecOps possono lavorare insieme sul codice testato sul mercato per garantire agli utenti le tecnologie più recenti e la massima sicurezza. Il supporto per la sicurezza include crittografia end-to-end, gestione delle chiavi HSM, OAuth, MFA e protezione dalle minacce basata sull’intelligenza artificiale.

AUTOREJonny Evans
FONTEComputerworld.com
Jonny Evans
Collaboratore di Computerworld.com Jonny è un freelance che scrive di tecnologia dal 1999, in particolare riguardo a Apple e la digital transformation. Cura su Computerworld.com il blog Apple Holic, con post a volte interessanti e a volte provocatori su tutto quel che succede a Cupertino. Le traduzioni dei suoi articoli appaiono su Computerworld in virtù dell'accordo di licenza con l'editore americano IDG Communications. Lo potete trovare su Twitter come @jonnyevans_cw