Business Intelligence (BI)

Business Intelligence: i migliori tool, cloud e non, per estrarre valore dai dati aziendali

La Business Intelligence (BI) sfrutta software e servizi per trasformare i dati in informazioni strategiche utilizzabili, che aiutino le aziende a prendere decisioni strategiche informate o ad adattare le tattiche dell’organizzazione. Gli strumenti di BI leggono e analizzano set di dati e presentano risultati analitici sotto forma di report, riepiloghi, dashboard, grafici e mappe per fornire agli utenti informazioni dettagliate sullo stato delle attività e l’andamento degli indicatori delle prestazioni di business principali (KPI).

Business Intelligence e Business Analytics: qual è la differenza?

La business intelligence è anche chiamata analisi descrittiva, in quanto descrive uno stato passato o attuale. “Non ti dice cosa fare in futuro: ti mostra cosa c’è stato o cosa c’è nel presente”, dice Michael F. Gorman, professore di gestione delle operazioni e scienze delle decisioni presso l’Università di Dayton in Ohio.

La Business Analytics (BA) è invece un processo che utilizza software e tecnologie per analizzare i dati e fornire previsioni su cosa accadrà (analisi predittiva) o cosa potrebbe accadere se si adottassero determinati approcci o comportamenti (analisi prescrittiva). La BA è talvolta chiamata anche Advanced Analytics.

Leggi anche: Le migliori certificazioni per big data e analytics

Come funziona la business intelligence

Sebbene la business intelligence non dica agli utenti aziendali cosa fare o cosa succederà se le azioni o gli eventi intraprendono un determinato corso, non è nemmeno corretto che la BI sia solo un generatore di report. Piuttosto, la BI offre un metodo e strumenti affinché i decisori possano esaminare i dati per comprendere le tendenze e ricavarne informazioni o intuizioni.

Per esempio, una società che voglia gestire meglio la propria catena di approvvigionamento ha bisogno delle funzionalità di BI per determinare dove si verificano ritardi e dove esistono delle variazioni all’interno del processo di spedizione. Questa società potrebbe anche utilizzare le sue capacità di BI per scoprire quali prodotti sono più soggetti a ritardi, e quali siano i mezzi o i vettori di trasporto coinvolti più frequentemente in questi casi.

Leggi anche: Che cos’è il data mining? Scoprire modelli e tendenze nei dati

I possibili casi d’uso per la BI si estendono oltre le tipiche metriche delle prestazioni aziendali: aumento delle vendite e riduzione dei costi, afferma Cindi Howson, vicepresidente alla ricerca di Gartner, che evidenzia come il sistema scolastico di Columbus, Ohio abbia utilizzato gli strumenti di BI per migliorare i tassi di apprendimento degli studenti e dei diplomati attraverso un’analisi di numerosi data-point: dai tassi di frequenza alle prestazioni degli studenti.

Strumenti di business intelligence

Le organizzazioni oggi possono scegliere tra un nutrito elenco di fornitori che offrono strumenti di BI. Nel suo rapporto periodico Magic Quadrant, Gartner identifica quasi due dozzine di fornitori di BI e di strumenti di Analytics, elencando Microsoft, Qlik e Tableau come leader. Altri fornitori di strumenti di BI includono Board International, Information Builders, Sisense e Zoomdata.

Le organizzazioni hanno scelto una piattaforma BI basata su vari fattori, tra cui la dimensione e la complessità delle loro operazioni e il tipo di tecnologia che hanno già (cioè IBM, Oracle, SAS, SAP – che offrono tutti strumenti di BI), dice Hagans.

Nella seconda parte di questo articolo facciamo una carrellata dei principali strumenti in commercio, indicando prezzi e utilizzi principali di ciascuna soluzione.

La Business Intelligence in azione

In passato, gli utenti principali delle applicazioni di BI erano i professionisti IT. Gli strumenti di BI si sono tuttavia evoluti per essere più intuitivi e user-friendly, consentendo a un gran numero di utenti aziendali in svariate funzioni organizzative di sfruttare strumenti di questo tipo.

Gartner’s Howson distingue due tipi di BI. La prima è la BI classica o tradizionale, in cui i professionisti IT utilizzano i dati transazionali interni per generare report. Il secondo è la BI moderna, in cui gli utenti aziendali interagiscono con sistemi agili e intuitivi per analizzare i dati più rapidamente.

Howson spiega che le organizzazioni generalmente optano per la classica BI per determinati tipi di report, come i report normativi o finanziari, in cui la precisione è fondamentale e le domande e i set di dati utilizzati sono standard e prevedibili. Le organizzazioni in genere utilizzano strumenti di BI “moderna” quando gli utenti aziendali hanno bisogno di approfondire dinamiche in rapida evoluzione, come gli eventi di marketing, in cui si preferisce la rapidità a una accuratezza del 100%.

Sebbene una solida business intelligence sia essenziale per prendere decisioni strategiche di business, molte organizzazioni hanno difficoltà nell’implementare strategie di BI efficaci, grazie a cattive pratiche nella raccolta e validazione dei dati, errori tattici e altro ancora.

Il valore della business intelligence

Sebbene gran parte dell’hype di oggi riguardi i big data e la Advanced Analytics (oltre al potenziamento successivo: intelligenza artificiale e machine learning), la BI è ancora rilevante per molteplici ragioni.

In primo luogo, gli esperti affermano che molte organizzazioni continuano a faticare nel  trovare il modo per distribuire i propri dati e sfruttare gli strumenti di BI al massimo delle loro potenzialità. Di conseguenza, Gorman dell’Università di Dayton afferma che la maggior parte delle organizzazioni tende ad avere situazioni in cui le capacità di BI vengono sfruttate, a volte in modo differente, da specifiche funzioni o gruppi aziendali, piuttosto che una piattaforma unica a livello aziendale.

Secondo il rapporto 2016-2020 del Global Business Intelligence Market, pubblicato a gennaio 2016, Technavio, società di consulenza e ricerca tecnologica globale, prevede che il mercato globale della BI registrerà un tasso di crescita annuo composto (CAGR) superiore al 10% entro il 2020.

Lo studio di ricerca afferma che l’adozione crescente di analisi dei dati, disponibilità dei dati e implementazione della BI del cloud sono i tre fattori principali che guidano il mercato.

In secondo luogo, le organizzazioni continueranno ad aver bisogno di una comprensione accurata degli eventi passati e dell’attuale stato delle cose. Ecco perché, secondo gli esperti, anche se le organizzazioni utilizzano sempre più analitiche avanzate per prevedere il futuro, continuano a investire nelle loro operazioni di BI.

“Hai bisogno di entrambi, perché hai bisogno di sapere cosa sta succedendo”, dice Howson. “Non serve saper prevedere il futuro se non so cosa sta accadendo in questo momento”.

Il futuro della business intelligence

Andando avanti, Howson dice che Gartner vede una terza ondata di disruption all’orizzonte, qualcosa che la società di ricerca chiama “analytics aumentata”, in cui l’apprendimento automatico viene inserito nel software e guiderà gli utenti nelle loro query nei dati. “Sarà BI più Analytics, e in più sarà intelligente”, afferma.

Le combinazioni incluse in queste piattaforme software renderanno ogni funzione più potente individualmente, e più preziosa per le persone di business che le usano, dice Gorman.

“Per esempio, qualcuno prenderà in considerazione i report di vendite dello scorso anno – questa è la BI – ma anche le previsioni sulle vendite dell’anno prossimo – questa è la business analytics – e quindi potrebbe aggiungere una funzione what-if,: cosa succederebbe se succede X invece di Y”, dice Gorman, spiegando che i produttori di software si stanno muovendo per sviluppare applicazioni che forniranno tali funzioni all’interno di una singola applicazione piuttosto che distribuirle tramite più piattaforme come avviene ora.

“Ora il sistema offre raccomandazioni di valore superiore. Rende il decisore più efficiente, più potente e più preciso “, aggiunge.

E anche se la BI rimarrà preziosa in sé e per sé, Howson afferma che le organizzazioni non potranno competere se non muoveranno per andare oltre la BI, adottando anche soluzioni di Advanced Analytics.

I 12 migliori strumenti di business intelligence

Gli strumenti di BI semplificano la raccolta dei dati, l’analisi e la visualizzazione in modi che consentano di comprenderne il significato. Quanto il processo sia semplice ed efficiente dipende dallo strumento: scegliere quello giusto per le proprie esigenze diventa fondamentale. Di seguito abbiamo raccolto una dozzina di strumenti BI tra i più popolari e apprezzati per le loro capacità di far parlare i dati delle aziende.

Board

board

Board International combina tre strumenti in uno: BI, analisi predittiva e gestione delle prestazioni. Sebbene miri a offrire qualcosa per tutti, si concentra principalmente sulla BI orientata alla finanza. Dispone di moduli per finanza (pianificazione, consolidamento), HR (mappatura delle competenze, pianificazione della forza lavoro), marketing (analisi dei social media, monitoraggio della fidelizzazione), supply chain (ottimizzazione delle consegne, gestione dei fornitori), vendite (cross-selling e analisi delle vendite) e IT (KPI, livelli di servizio). L’azienda è svizzera, ma il software è disponibile in inglese, spagnolo, cinese, giapponese, francese, tedesco e italiano. L’ultima versione della sua piattaforma ha sostituito il vecchio approccio di elaborazione analitica online multidimensionale (MOLAP) con un motore di calcolo in memoria.

Destinatari principali: l’intera azienda, ma di solito la prima funzione ad adottarlo è quella di amministrazione, finanza e controllo

Caratteristiche notevoli: supporto linguistico

Prezzi: il canone di licenza per utente varia in base al ruolo

Domo

domo

Domo è una piattaforma basata sul cloud focalizzata su dashboard (distribuite dagli utenti aziendali) e sulla facilità d’uso. Offre strumenti di business intelligence su misura per diversi settori (come servizi finanziari, assistenza sanitaria, produzione e istruzione) e ruoli (inclusi CEO, vendite, professionisti della BI e operatori IT). I CIO potrebbero iniziare controllando come gestisce i dati da AWS, Jira, GitHub o New Relic prima di vedere come le oltre 500 altre integrazioni possono aiutare il resto dell’azienda.

Destinatari principali: CEO, vendite e marketing, professionisti della BI

Caratteristiche notevoli: robusta interfaccia mobile

Prezzo: su richiesta

Dundas BI

sundas

Dundas BI di Dundas Data Visualization viene utilizzato principalmente per creare dashboard e scorecard, i punti di forza storici dell’azienda, ma può anche eseguire report standard e ad hoc. L’analisi e la visualizzazione vengono eseguite attraverso un’interfaccia web che può adattarsi alle competenze degli utenti: gli utenti esperti e gli utenti standard vedono funzionalità diverse. L’ultima versione ha un nuovo motore database in memoria, una nuova funzionalità di query in linguaggio naturale e aggiunge l’analisi delle tendenze punta e clicca, il supporto per Linux e un ambiente di sviluppo di applicazioni per applicazioni analitiche personalizzate. Dundas BI è stato progettato per 19 settori, tra cui tecnologia green, estrazione mineraria e costruzioni, oltre ai soliti sospetti come quello bancario e sanitario. Vende a grandi imprese ma è specializzato in BI embedded.

Destinatari principali: C-suite, risorse umane, finanza, vendite, marketing, servizio clienti

Caratteristiche notevoli: interfaccia HTML5 flessibile che si adatta a qualsiasi dispositivo

Prezzi: basati su utenti simultanei, non nominativi, senza alcun legame con il numero di server o core

Microsoft Power BI

microsoft

Con l’app Power BI Desktop per Windows, gli utenti possono analizzare e visualizzare i dati da origini locali o cloud, pubblicando i propri report sulla piattaforma Power BI. Offre preparazione dei dati, individuazione visiva, dashboard interattive e analisi aumentata. La versione gratuita di Power BI Desktop è adatta agli utenti singoli; la versione Pro, a canone mensile, semplifica invece l’analisi collaborativa sfruttando Microsoft Office365, SharePoint e Teams per controllare l’accesso ai dati grezzi e ai report pubblicati. Per le aziende che vogliono andare all-in, il livello Premium rende possibile la preparazione dei dati in modalità self-service con connettori predefiniti per i dati aziendali conservati in Microsoft Dynamics 365, Azure SQL Data Warehouse o origini di terze parti come Salesforce.

Destinatari principali: aziende che usano diversi software Microsoft

Caratteristiche notevoli: l’app mobile consente l’annotazione dei rapporti tramite touchscreen

Prezzi: Power BI Pro a 8,40 € al mese per utente. La sottoscrizione Premium si divide in due tipi: per utente 16.90€ al mese e per capacità (riservata alle grandi aziende) a 4212.30€ al mese.

MicroStrategy

microstrategy

MicroStrategy si rivolge al mercato della BI aziendale in un’ampia gamma di settori con opzioni di distribuzione cloud, on-premise e ibrida. Il software è dotato di un’interfaccia drag-and-drop per aiutare gli utenti a creare visualizzazioni di dati personalizzate e creare dashboard personalizzati in tempo reale. MicroStrategy promuove analisi federate che consentono ai clienti di sfruttare gli investimenti esistenti fatti in fonti e analisi dati come Tableau, Qlik e Power BI, da cui possono unire i dati per creare report e approfondimenti. Dispone inoltre di un grafico semantico aziendale, che indicizza le risorse per arricchire i silos di dati con intelligence sulla posizione e telemetria in tempo reale. MicroStrategy offre una versione di prova della piattaforma gratuita di 30 giorni.

Destinatari principali: l’intera azienda

Caratteristiche degne di nota: le credenziali digitali consentono di sostituire carte d’identità fisiche, password e token a favore di badge identificativi mobili basati su ruoli legati agli smartphone

Prezzo: su richiesta

Oracle Analytics Cloud

oracle

Oracle ha trascorso gli ultimi anni ad ampliare la sua offerta Oracle Analytics Cloud, lanciata nel 2014 come conseguenza della sua suite di punta Business Intelligence Enterprise Edition. Nel 2020, ha aggiunto un’offerta Cloud HCM per fornire analisi self-service della forza lavoro a dirigenti delle risorse umane, analisti e leader della linea di business. Oracle si è concentrata sul rendere la sua offerta cloud intuitiva e user-friendly, con potenti funzionalità di reporting e machine learning. Le caratteristiche principali includono la preparazione dei dati, connettori di dati, visualizzazioni, analisi predittiva, un’app mobile nativa e supporto per l’analisi incorporata.

Destinatari principali: utenti di medie e grandi imprese

Caratteristiche notevoli: l’analisi conversazionale supporta le query in linguaggio naturale; può generare automaticamente resoconti in linguaggio naturale per spiegare meglio visualizzazioni e tendenze

Prezzi: Enterprise: 80 USD per utente, al mese, o 2,1506 USD Oracle Compute Unit (OCPU) all’ora; Professional: 16 USD per utente, al mese, o 1,0753 USD OCPU all’ora; Professional – Bring Your Own License (BYOL): 0,3226 USD OCPU all’ora; Enterprise – BYOL: 0,3226 USD OCPU all’ora

Qlik Sense

qlinks

L’obiettivo di Qlik è fornire a chiunque nell’azienda l’accesso a tutti i suoi dati, soggetti, ovviamente, alle politiche di governance dei dati aziendali. Tutti questi dati dovrebbero essere sufficienti per impantanare la maggior parte dei motori di database, ma Qlik afferma che il suo motore può associare ogni dato con ogni altro per facilitare la ricerca delle connessioni. Il motore associativo ora dispone di funzionalità di intelligenza artificiale e apprendimento automatico che offrono suggerimenti di analisi sensibili al contesto grazie al motore cognitivo di Qlik. Qlik Sense, lo strumento self-service per accedere a tale capacità analitica, è disponibile nelle versioni cloud e on-premise.

Destinatari principali: l’intera azienda

Caratteristiche notevoli: Associative Engine può analizzare tutti i tuoi dati in modo rapido

Prezzi: Versioni limitate: gratuite; Qlik Sense Business: 30 USD per utente, al mese; Qlik Sense Enterprise SaaS: Analista: 40 USD al mese; Professionista: 70 USD al mese; Pacchetti 100 USD al mese

SAS Visual Analytics

Immagine 2022-02-16 181410

L’approccio di SAS alla BI è il suo strumento di analisi visiva, offerto tramite la piattaforma SAS Viya basata su cloud e microservizi. Ha lo scopo di evidenziare automaticamente le relazioni chiave nei dati: l’ultima versione aggiunge suggerimenti automatici per fattori rilevanti, insieme ad approfondimenti espressi tramite visualizzazioni e linguaggio naturale. Altre funzionalità includono l’analisi del sentiment per l’estrazione di dati dai social media e altri testi, la generazione automatica di grafici, la mappatura e la preparazione dei dati self-service. La distribuzione può essere in locale, in cloud pubblici o privati ​​o sulla piattaforma as a service Cloud Foundry.

Destinatari principali: utenti enterprise

Caratteristiche notevoli: Funzioni di analisi automatizzate

Prezzo: su richiesta

Sisense

sisense

Lo stack del software BI di Sisense copre tutto, dal database all’ETL (Extract, Transform, Load) e all’analisi fino alla visualizzazione. L’azienda afferma che il suo motore di database In-Chip è più veloce anche dei database in memoria. È meglio conosciuto per gli usi della BI incorporata. Sisense è disponibile in locale o nel cloud e l’ultima versione aggiunge nuove funzionalità di apprendimento automatico. Esistono soluzioni per la finanza, il marketing, le vendite, le risorse umane e l’IT, nonché il servizio clienti e i dipartimenti operativi e logistici. Sisense consente inoltre di offrire gli strumenti di analisi a utenti esterni all’azienda integrandoli in applicazioni web. Sisense ha acquisito Periscope Data a settembre 2019 ed è in procinto di integrare le capacità di analisi avanzate conseguite attraverso l’acquisizione.

Destinatari principali: Tipicamente PMI

Caratteristiche notevoli: client completamente basato sul Web, inclusa la preparazione dei dati

Prezzo: su richiesta, basato su una tariffa annuale per software e servizio

Tableau

tableau

Con Tableau è possibile eseguire il software in locale, scegliere un cloud pubblico o scegliere di averlo completamente ospitato da Tableau. Offre versioni su misura per oltre una dozzina di settori, tra cui bancario, sanitario e manifatturiero, con supporto per i dipartimenti finanziari, risorse umane, IT, marketing e vendite, anche se oggigiorno è quasi normale. Le funzionalità di Tableau includono la mappatura e l’analisi di sondaggi e dati di serie temporali. Il suo ultimo aggiornamento sta attingendo alle tecniche di intelligenza artificiale per l’elaborazione del linguaggio naturale, in modo da consentire agli utenti di descrivere ciò che vogliono vedere, piuttosto che fare clic e trascinare per creare query analitiche.

Destinatari principali: imprese di medie e grandi dimensioni

Funzionalità degne di nota: Tableau si basa sull’elaborazione del linguaggio naturale per consentire agli utenti di dire ciò che vogliono vedere

Prezzi: ogni implementazione richiede almeno un Tableau Creator (70 USD al mese); per Tableau Server (on-premise o cloud pubblico), altri possono essere solo “Visualizzatori” (12 USD al mese, minimo 100) o “Esploratori” (35 USD al mese, minimo 5); in alternativa, con Tableau Online (completamente ospitato da Tableau), altri possono essere “Visualizzatori” (15 USD al mese, minimo 100) o “Esploratori” (42 USD al mese, minimo 5)

Tableau CRM

tableau-crm

Precedentemente noto come Einstein Analytics, Salesforce ha rinominato il servizio in Tableau CRM nell’ottobre 2020. Tableau CRM integra le capacità di analisi avanzate di Einstein Analytics, comprese le analisi predittive e prescrittive, nella gamma completa di offerte di Tableau. L’obiettivo è estendere l’accesso self-service ai dati a tutti gli utenti dell’azienda. Gli utenti possono creare modelli predittivi per i propri dati. Sono disponibili modelli specifici e strumenti su misura per i dipartimenti di vendita, assistenza, marketing e IT. Il primo frutto della nuova offerta integrata è Einstein Discovery in Tableau, una piattaforma di intelligenza artificiale e machine learning per analisi predittive e prescrittive. Sono previste ulteriori integrazioni. Salesforce sta lavorando per connettere Tableau in modo nativo al datastore Einstein Analytics, che sfrutterà le ottimizzazioni delle prestazioni e l’integrazione nativa della sicurezza Salesforce

Destinatari principali: utenti di Salesforce.com

Caratteristiche degne di nota: AI per BI, nel cloud di Salesforce

Prezzi: 75 euro per utente al mese per Einstein Predictions, 125 euro per utente al mese per Einstein Analytics Growth e 150 euro per utente al mese per Tableau CRM Plus

Tibco

tibco

Tibco Spotfire è una piattaforma di visualizzazione dati self-service basata sull’intelligenza artificiale per dashboard, visualizzazione interattiva, preparazione dei dati e flusso di lavoro. La piattaforma offre capacità di preparazione dei dati basata sull’apprendimento automatico per supportare la creazione di modelli di dati complessi. È distribuito in molti settori verticali, inclusi servizi finanziari, energia, produzione, beni di consumo, governo, viaggi e logistica, assistenza sanitaria e life scince. L’ultima versione aggiunge il supporto per Python.

Destinatari principali: analisti e data scientist

Caratteristiche degne di nota: la capacità di utilizzare tecniche di data science, geoanalisi e streaming di dati in tempo reale utilizzando query in linguaggio naturale e generazione di linguaggio naturale

Prezzi: TIBCO Spotfire offre una versione di prova gratuita. Le licenze sono disponibili a partire da 650 dollari l’anno. Spotfire per Amazon Web Services parte da 1 dollaro; Tibco Cloud Spotfire costa 125 dollari al mese o 1.250 dollari all’anno per le postazioni analista, 65 dollari al mese o 650 dollari all’anno per le postazioni per utenti business, 25 dollari al mese o 250 dollari all’anno per le postazioni consumer e lo stesso prezzo per 25 GB di libreria.

Zucchetti e iGenius alleate per applicare l’AI conversazionale ai dati HR

Zucchetti e iGenius alleate per applicare l’AI conversazionale ai dati HR

I due partner offriranno una suite di casi d’uso che combinano la tecnologia Virtual Advisor di iGenius con i dati della piattaforma Human Resources di Zucchetti  »

Redazione CWI.it // 30.03.2022
Business Intelligence: 8 segreti per una strategia di successo

Business Intelligence: 8 segreti per una strategia di successo

Il successo della Business Intelligence richiede più di una semplice piattaforma tecnologica. Ci vogliono infatti anche una grande attenzione sui processi e sul personale e un approccio incentrato sul business per ottenere informazioni dettagliate dai dati.  »

Redazione CWI.it // 17.02.2022
Digitalizzazione: I lettori di codici a barre hanno molto da raccontare

Digitalizzazione: I lettori di codici a barre hanno molto da raccontare

Una piattaforma cloud raccoglie e analizza i dati provenienti dai lettori di codici a barre indossabili di ProGlove per identificare criticità nei processi, ottimizzare l'efficienza e migliorare la sicurezza dei lavoratori  »

Andrea Grassi // 02.02.2022
Microsoft Power BI: i dieci errori più comuni da evitare

Microsoft Power BI: i dieci errori più comuni da evitare

Power BI sta portando sempre di più la potenza dei dati nelle mani degli utenti aziendali, ma potreste aver bisogno di una guida ben precisa per trarne il massimo valore. Questi sono i dieci errori più comuni da evitare assolutamente.  »

Redazione CWI.it // 17.09.2021
Microsoft Power BI: 15 consigli per sfruttarlo al meglio

Microsoft Power BI: 15 consigli per sfruttarlo al meglio

Il servizio Power BI di Microsoft può fare molto di più che visualizzare i dati. Dalle informazioni sull'intelligenza artificiale alla cura dei dati da utilizzare altrove, ecco come sfruttarlo al meglio.  »

Redazione CWI.it // 28.06.2021
Come migliorare il processo decisionale con la visualizzazione dei dati

Come migliorare il processo decisionale con la visualizzazione dei dati

La visualizzazione dei dati è la presentazione dei dati in un formato grafico per rendere più facile per i responsabili delle decisioni vedere e comprendere tendenze, valori anomali e modelli nei dati.  »

Redazione CWI.it // 28.04.2021
Intelligence decisionale: la nuova business intelligence

Intelligence decisionale: la nuova business intelligence

I sistemi e le strategie di business intelligence vengono potenziati con l'intelligenza artificiale e il machine learning per fornire un contesto decisionale e consigli in tutta l'azienda. Ecco perché l’intelligence decisionale è così importante.  »

Redazione CWI.it // 23.03.2021
Trasformare i dati in intelligenza per il business: la visione di Workday

Trasformare i dati in intelligenza per il business: la visione di Workday

Per capire cosa sta succedendo alle proprie persone e processi in questo momento di grandi trasformazioni e rispondere in modo agile alle sfide, le aziende dovrebbero rivolgere al proprio interno gli stessi strumenti che usano per capire i propri clienti  »

Andrea Grassi // 22.03.2021
Oracle ADW, grandi novità per il Data Warehouse a guida autonoma

Oracle ADW, grandi novità per il Data Warehouse a guida autonoma

Nuove integrazioni, nuove funzioni, tutto in un quadro di enorme semplificazione della gestione (anche low-code) fanno di Oracle ADW il primo di una razza di self-driving cloud datawarehouse.  »

Leo Sorge // 18.03.2021
Iconsulting, “puntiamo a primeggiare nell’analytics consulting in Italia”

Iconsulting, “puntiamo a primeggiare nell’analytics consulting in Italia”

Da BI e data warehouse a big data e advanced analytics, la società emiliana vuole accelerare crescita e investimenti, anche grazie alla partnership con AWS  »

Daniele Lazzarin // 18.02.2021
Analytics e Business Intelligence: i dieci player di riferimento

Analytics e Business Intelligence: i dieci player di riferimento

Gli strumenti di analytics e business intelligence rivestono un ruolo sempre più importante per le aziende. Ecco i dieci player che dominano il mercato   »

Redazione CIO // 08.04.2020
Weborama, la data science per il marketing online e offline

Weborama, la data science per il marketing online e offline

Dall'incrocio di dati delle interazioni online e offline, tracciate dal CRM, nasce il vero valore per le aziende. La ricetta della data company Weborama per le aziende italiane  »

Andrea Grassi // 15.01.2020
Domo vs. Tableau: la BI self-service a confronto

Domo vs. Tableau: la BI self-service a confronto

La business intelligence self-service è diventata lo strumento ideale per le decisioni aziendali. Ecco cosa offrono Domo e Tableau a livello di funzionalità e prezzi.  »

Redazione CIO // 02.01.2020
Tutto il potere (della Business Intelligence) ai lavoratori!

Tutto il potere (della Business Intelligence) ai lavoratori!

I dati aziendali sono custoditi da analisti e data scientist che sanno estrarre valore da essi, con un lento procedimento manuale. Due aziende vogliono usare l'intelligenza artificiale per semplificare l'accesso da parte delle linee di business.  »

Andrea Grassi // 12.12.2019
SAP TechEd: l’impresa intelligente sa ascoltare l’esperienza delle persone

SAP TechEd: l’impresa intelligente sa ascoltare l’esperienza delle persone

Disponibili entro fine anno tutti i SAP HANA Cloud Services, per permettere alle aziende di mettere insieme i dati operativi e quelli esperienziali con l'agilità del cloud  »

Andrea Grassi // 09.10.2019
Pagina 1 di 3
Condividi