Backup

Backup Exec 2014, un unico strumento per ambienti ibridi

27 giugno 2014 – La crescita esponenziale dei dati attuale e prevista, da un lato crea opportunità immense, dall’altro pone nuove sfide. Tra queste il difficile compito di capire come effettuare il backup delle informazioni e delle attività su piattaforme sparse, quali ambienti fisici e virtuali, in combinazione con la proliferazione dei dati non strutturati, ciò associato a un budgt IT in continua riduzione. I metodi tradizionali non incontrano necessariamente le esigenze e le richieste degli attuali dipartimenti IT.

Symantec per rispondere a questi nuovi problemi ha rilasciato Backup Exec 2014.

E’ passato diverso tempo dal lancio della nostra ultima soluzione in questo ambito, quasi due anni”, racconta Alessio Di Benedetto (nella foto), Senior Presales Manager di Symantec Italia. “Abbiamo aspettato un po’ di tempo per avere la certezza di uscire sul mercato con la soluzione giusta”.

Il lancio ufficiale dell’edizione 2014 è stato preceduto da un Beta Program che ha coinvolto 3.600 clienti, di questi circa 80 italiani, “e quasi l’80 percento di loro l’ha fatto proprio sulle macchine operative, dimostrando un’estrema fiducia sul prodotto e sulla nostra assistenza”, aggiunge il manager Symantec.

Backup Exec 2014”, continua Di Benedetto, “rispetto alle precedenti versioni introduce soluzioni innovative in ambito di prestazioni, riducendo della metà i tempi dei processi di backup, permette di gestire diverse piattaforme e introduce la supportabilità di Windows Server 2012, molto diffuso soprattutto nelle piccole e medie imprese. In più l’ultima release è ottimizzata per le piattaforme virtualizzate, consentendo di gestire funzioni ibride fisiche e virtuali con la stessa soluzione”. Non solo, Backup Exec 2014 fornisce supporto cloud esteso e funzionalità di migrazione e aggiornamento senza soluzione di continuità.

Symantec Backup Exec 2014Le principali caratteristiche della soluzione Symantec in sintesi. Flessibilità: protegge architetture virtuali e fisiche in una singola soluzione che esegue virtualmente il backup di qualsiasi dispositivo di archiviazione e raggiunge un recovery veloce, efficiente e versatile; prestazioni ottimizzate: fornisce prestazioni di backup e deduplica fino al 100% più veloce e più affidabile, compresi i backup delle macchine virtuali VMware e Hyper-V, rispetto alla versione precedente del software; supporto Windows Server 2012 e 2012 R2.

Ma il backup è inutile senza un ottimo restore”, afferma Di Benedetto. Un buon backup è nulla senza la certezza del ripristino in tempi ragionevoli. In questo ambito Backup Exec 2014 fa sfoggio della granularità di intervento consentita, che permette restore da un’intera infrastruttura, o un’intera macchina, come il ripristino di una singola macchina virtuale o un server, o una sola applicazione,  fino alla singola cartella al singolo file e, nel caso dell’agent Exchange, fino alla singola email. Inoltre si può fare backup di una risorsa e decidere di ripristinarla in un ambiente virtuale, come è possibile creare un’immagine virtuale di un ambiente, farne backup e duplicarlo, in un singolo passaggio.

Infine Symantec, per migliorare ulteriormente le capacità di deduplica, mette a disposizione delle aziende la propria appliance dedicata che integra server, applicazione e storage in un unico hardware.

Luca Bastia

 

CA arcserve UDP protegge i dati su sistemi fisici, virtuali e cloud

12 giugno 2014 – CA Technologies ha presentato CA arcserve Unified Data Protection (UDP), una soluzione semplice da utilizzare che offre backup e Assured Recovery a costi contenuti per gli ambienti IT misti.

Un’architettura nuova e unificata e un Recovery Point Server gestiscono una gamma completa di funzionalità di protezione dei dati ad alta efficienza per gli ambienti fisici e virtuali tramite una console utente basata su web facile da utilizzare. CA arcserve UDP offre più di 30 nuove caratteristiche che forniscono alle aziende e ai service provider funzionalità precise e flessibili in grado di soddisfare i severi requisiti SLO e RTO.

La facilità d’uso, sostiene CA, è stato il principio fondamentale che ha ispirato la progettazione di CA arcserve UDP. Un’architettura unificata e una singola interfaccia utente basata su web integrano la protezione dei dati per i sistemi fisici e virtuali.

In sintesi CA arcserve UDP offre: maggiore efficienza e un time-to-value più rapido grazie a un ampio spettro di funzionalità di classe enterprise – incluso il backup di immagini e basato su file, il supporto dei nastri, la replica e l’elevata disponibilità – in un’unica soluzione; piani di protezione basati sul workflow che consentono agli utenti di selezionare il livello di protezione appropriato in pochi minuti; cinque edizioni per consentire ai clienti di acquistare solo il livello di protezione corretto; prezzi flessibili per terabyte o socket per sistemi fisici e virtuali; un’unica soluzione per sistemi Microsoft Windows, Linux e Unix.

Il nuovo Recovery Point Server (RPS), in grado di razionalizzare l’uso delle risorse, è al centro della soluzione unificata CA arcserve UDP, che combina l’autentica de-duplicazione globale lato origine, la replica integrata a livello di blocco, la crittografia AES a 256 bit e le policy di retention a cascata. Leggi tutto

Dell PowerEdge VRTX, la cloud in una scatola

04 dicembre 2013 – Dal data-center-in-a-box al cloud-in-a-box. E’ questa la filosofia che ha guidato Dell nella realizzazione del PowerEdge VRTX, una macchina pronta all’uso che si propone come strumento per le PMI o come soluzione per la gestione degli uffici remoti nelle aziende più grandi. Il VRTX è una macchina potente, in grado di gestire direttamente fino a quattro nodi, fino a 48 terabyte di storage, dotata di connettività ad alta velocità (otto porte gigabit) che viene fornita con preinstallato l’hypervisor Hyper-V e System Center di Microsoft. Il suo formato fisico ne permette l’installazione in armadi rack o l’utilizzo come macchina stand alone. La sua particolarità è che può essere messa in produzione in circa due ore, collegandola semplicemente all’alimentazione e alla rete locale.

Leggi tutto

EMC lancia la nuova generazione di Mozy

26 novembre 2013 – EMC ha annunciato la nuova generazione di Mozy Cloud Backup, il servizio di protezione dei dati cloud-based per gli amministratori, gli utenti finali e i partner. Il prodotto include nuovi strumenti cloud “basati sulla persona”, che permettono alle aziende di ottimizzare i tempi e ridurre i costi nel provisioning e nella gestione del backup su migliaia di utenti e dispositivi. Le nuove API per i partner consentono di gestire Mozy con il sistema di Remote Monitoring and Management (RMM) o Professional Services Automation (PSA) preferito. Leggi tutto

CA proroga la promozione sul software di backup

11 novembre 2013 – CA Technologies ha deciso di prorogare fino al 31 marzo 2014 la sua offerta di “competitive upgrade” sulle soluzioni software concorrenti per backup e il ripristino dei dati. Fino al 31 marzo del prossimo anno, le aziende in possesso dei necessari requisiti che sostituiranno con CA ARCserveun software di backup o disaster recovery della concorrenza (Symantec, CommVault, Veeam o Dell) potranno acquistare a prezzo fisso una licenza Managed Capacity a uso illimitato per i tre anni successivi, indipendentemente dalla crescita fisiologica del loro fabbisogno di storage. Alla fine del terzo anno potranno rinnovare la licenza sulla base del volume di dati da proteggere fino a quel momento. Le condizioni della promozione sono verificabili qui.

Leggi tutto

Backup e disaster recovery: la nuova offerta Colt

11 ottobre 2013 – Colt ha ampliato l’offerta di servizi per la replica e il backup dell’infrastruttura cloud destinati ai suoi rivenditori a valore aggiunto (VAR). Il nuovo servizio di backup per VMware vCloud offre ai VAR opzioni di servizio flessibili per i loro clienti finali, che potranno scegliere i dati da proteggere tramite backup, il livello di resilienza e le sedi europee in cui collocare i loro dati. Il nuovo servizio è gestito tramite un portale online, che garantisce velocità e semplicità, ed è disponibile secondo un modello “pay-as-you-go”, senza costi iniziali. Leggi tutto

Resource Center

  • Drop test ottimizzati con Dell, Intel e Altair

    Dell, Intel e Altair hanno collaborato all'analisi di una soluzione virtuale di drop test, che assicura aumenti comprovati di velocità e accuratezza

    Intel dell AltairDownload
  • “Scaricare” i server per abbattere i costi

    L’infrastruttura web deve essere in grado di scalare? Sì, ma attenzione a non ingigantire i costi. L’uso degli ADC è una strada economicamente praticabile

    server data centerDownload
  • Le domande da porre ai propri service provider

    Cosa chiedere al proprio fornitore di servizi ICT per ottenere una prestazione allineata ai propri reali bisogni e agli obiettivi aziendali

    Dimension-data-wp-3-tough-questionsDownload
  • EVault alla ricerca di nuovi partner

    Nata nel 1997 per offrire backup e ripristino nella cloud, la società del gruppo Seagate, oggi leader in questo mercato, offre tre interessanti white paper

    EvaultDownload
  • Archiviazione su cloud – problematiche e benefici

    L’archiviazione e il backup sul cloud sono servizi leggermente diversi, ma entrambi consentono agli utenti di ottenere uno spazio di archiviazione scalabile

    Evault-cloudDownload
  • 12 Best Practice per il backup e il ripristino dei dati

    Due pagine di consigli e analisi per non farsi mai trovare impreparati o gettare denaro al vento

    Evault-best-practiceDownload
  • EVault: i partner al centro di tutto

    Se desiderate ampliare la vostra offerta di servizi con backup e ripristino nella cloud e costruire un flusso di entrate costanti, EVault, società di Seagate, è il vostro partner ideale

    Evault-partnerDownload
  • BYOD e sicurezza: nuove sfide per l’impresa

    Il BYOD evolve alla versione 2.0, mentre le sfide per il controllo di identità e accessi sono sempre più dure. Le risposte di F5 Networks in due white paper pronti da scaricare

    BYOD20Download
  • BYOD 2.0: non solo dispositivi

    Il concetto del BYOD (Bring Your Own Device) ha rapidamente trasformato l’IT, offrendo un modo rivoluzionario per sostenere le persone che lavorano in mobilità

    BYOD20Download
  • Identità garantita e accesso sicuro grazie a SAML

    SAML è uno standard basato su XML in grado di fornire le informazioni di identità necessarie per implementare una soluzione di single sign-on enterprise

    SAMLDownload

    Top News

    Hacker violano un database della Bce

    Indirizzi e altri dati personali sono stati sottratti a un archivio della Banca centrale europea, che si è accorta del furto grazie a una email anonima che chiedeva un riscatto. Al sicuro gli altri sistemi

    Microsoft stringe su Yammer e il cofondatore se ne va



    A Redmond hanno deciso di integrare pienamente il social acquisito un paio di anni fa. Si fa stretta l’integrazione con Office 365. E David Sacks annuncia le dimissioni

    Record di fatturato per EMC

    Nel secondo trimestre raggiunge i 5,9 miliardi di dollari. Buono anche l’andamento in Emea. La società di investimenti Elliot spinge per una separazione tra EMC e VMware, ma le società non sembrano dei questo parere

find std testing clinics @ localstdtest.net
© Play Lifestyle Media 2013 - Partita IVA: 02006400036
Advertisement