09 agosto 2012 – Le dichiarazioni di Peter Misek, analista di Jefferies, hanno dato nuova vita alle speculazioni riguardo all’acquisizione di RIM da parte di Samsung. In una nota indirizzata agli investitori, Misek ha comunicato che Samsung sta considerando l’acquisizione di Research in Motion, o della licenza per l’utilizzo del suo sistema operativo BlackBerry 10. “Tra altre opzioni, riteniamo che Samsung stia puntando al BB10 o all’acquisto di RIM”, ha scritto Misek. “Riteniamo che l’acquisizione sia poco probabile prima del lancio del BB10”, previsto per gennaio 2013. Secondo Misek, RIM rivelerà i suoi piani strategici alla prossima comunicazione dei risultati finanziari, prevista per il 27 settembre. Le due aziende hanno scelto di non commentare i rumour, ma la dichiarazione di Misek ha sollecitato l’intervento di altri analisti, tra i quali molti pensano che Samsung non trarrebbe grandi benefici dall’acquisizione di RIM.

Penso che l’acquisizione di RIM da parte di Samsung sia improbabile, perché la ristrutturazione dell’azienda sarebbe molto complicata”, ha dichiarato Ken Dulaney, analista di Gartner, che segue RIM da decenni.

E’ la milionesima volta che circola la voce della possibile acquisizione da parte di Samsung: la risposta è ancora no”, ha detto Jack Gold, analista di J. Gold Associates. Secondo Gold, la casa coreana ha già investito molto per rendere sicura per gli utenti aziendali la piattaforma Android per smartphone e tablet, così avrebbe poco da guadagnare dalle caratteristiche del software di RIM e dal BleckbBerry 10. “Non sarebbe un’unione di successo”, ha dichiarato l’analista.

Anche per quanto riguarda la concessione della licenza del BB10, Samsung non avrebbe molto da guadagnarci, secondo Gold: “escluso il mercato statunitense, i telefoni BlackBerry vendono molto bene, ma i numeri sono bassi confronto a quanto vende Samsung con i dispositivi Android”.

RIM ha proposto la concessione delle licenze dei suoi prodotti BlackBerry Connect qualche anno fa, “ma la cosa non è mai decollata”, ha aggiunto Gold.

Secondo Dulaney il BB10 “potrebbe essere di qualche utilità per Samsung”, ma solo a certe condizioni, come l’abbandono del sistema operativo Android da parte della casa coreana, dovuto al timore di perdere terreno nei confronti di Motorola, ora che è di proprietà di Google. “RIM è ancora il quarto ecosistema, dopo Apple, Google e Microsoft, e lo sviluppo della piattaforma RIM, nel suo complesso, richiede più della semplice produzione di dispositivi”, ha detto Dulaney.

Matt Hamblen