iphone-originale 2007

Nel giro di un decennio, l’iPhone è passato dall’essere un dispositivo consumer a qualcosa che, secondo alcuni, ha profondamente influenzato l’IT aziendale, trasformando un ambiente controllato e in stile “top-down” in qualcosa di molto più aperto.

Credo che l’iPhone sia stato uno dei dispositivi tecnologici che hanno avuto maggiore impatto nel mondo IT dal computing“, ha dichiarato Alex Tosheff, VP e chief information security officer di VMware commentando il 10° anniversario dell’iPhone, lanciato da Apple il 9 gennaio 2007.

L’iPhone rappresenta molte cose diverse: è una rivoluzione nei dispositivi personali e un’icona del design, e forse non ci si rende conto di quanto abbia modellato il computing su larga scala.

Ero una delle persone in fila per il modello originale dell’iPhone“, ricorda James Gordon, CIO della Needham Bank. “All’epoca il dispositivo non era pronto per l’uso a livello aziendale, per tutta una serie di ragioni, prima fra tutte il fatto che non supportava Exchange“.

La situazione è cambiata nel 2008 con il lancio dell’iPhone 3G, basato su iOS 2.0, che ha introdotto ActiveSync e il pieno supporto delle email aziendali, portando il dispositivo all’attenzione dei reparti IT.

Prima dell’iPhone, la sfida principale per la mobilità aziendale era centrato sull’email, una funzionalità di appannaggio quasi esclusivo di BlackBerry, il cui BlackBerry Enterprise Server è stato il primo prodotto per la gestione dei dispositivi mobili.

A livello aziendale, supportare l’iPhone in particolare e i prodotti Apple in generale non è esattamente un passeggiata, secondo Kevin More, CIO della società May Institute, ma in generale ne vale la pena.

“I prodotti Apple sono molto difficili da gestire in azienda: Apple non semplifica le cose né sul lato iPhone nè sul lato desktop. E’sicuramente una sfida”, ha commentato More. “Ma il livello ‘semplicemente funziona’ è decisamente attraente. I dispositivi Apple sono sempre molto eleganti e si percepisce l’impegno nella loro progettazione, che si tratti di un iPhone o di un computer”.

La popolarità dell’iPhone, tanto tra gli utenti privati che nei ranghi IT, è fuori discussione. Ma le imprese stanno ancora affrontando il problema della compatibilità dei prodotti Apple.

Il grande successo dell’iPhone ha spinto i provider a lanciare piani dati illimitati e spingere milioni di utenti di smartphone verso il Wi-Fi. Le imprese hanno dovuto adattarsi rapidamente allo tsunami di nuovi endpoint che creavano nuovi flussi di dati sulla rete. Molte reti hanno dovuto essere ridisegnate e ampliate.

Nel 2011 e nel 2012 ci siamo trovati a ridisegnare la nostra rete per accogliere la banda da 5 GHz, la proliferazione di dispositivi e consentire alle persone di avere una buona esperienza utente senza risentire della congestione del traffico“, ha osservato Gordon.

l’iPhone e tutta la nuova generazione di smartphone hanno rivoluzionato l’IT aziendale

In pratica, l’iPhone e tutta la nuova generazione di smartphone hanno rivoluzionato l’IT aziendale, aggiungendo nuove funzionalità che le imprese semplicemente non avrebbero potuto creare in precedenza.

“Oggi utilizziamo biometria e TouchID per autenticare gli utenti dove, normalmente, avrebbero dovuto inserire password“, ha detto Tosheff.

 

AUTOREJon Gold
FONTENetwork World
CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.
WHITEPAPER GRATUITI