18 febbraio 2013 – Google punta a una presenza diretta sul mercato con l’apertura di negozi monomarca nelle più grandi città. L’apertura dei primi “Google store” potrebbe avvenire negli Stati Uniti già entro l’anno, in tempo per il momento clou dello shopping che è il periodo natalizio. Per Google potrebbe essere una mossa vincente, considerato che i principali concorrenti che vendono sistemi operativi, cellulari e altri prodotti elettronici, come Apple, Microsoft e Sony, possono già contare su diversi store per la vendita diretta.

Oltre a dare la possibilità ai consumatori di provare i dispositivi attualmente in commercio come i Chromebook, lo smartphone Nexus 4, il tablet Nexux 10 e, in un prossimo futuro, anche i Google Glass, gli store potrebbero essere il luogo ideale dove presentare al grande pubblico altri progetti del Google X Lab, come l’auto senza conducente, che ha già percorso migliaia di chilometri sulle strade americane.

Come è possibile provare l’iPad in un Apple Store o il Surface RT in un Microsoft Store, Google vuole permettere al pubblico di provare i suoi Chromebook e i dispositivi Nexus, ma soprattutto le sue nuove creazioni. Secondo una fonte “assolutamente affidabile” citata da 9to5 Google, infatti, l’idea dei Google Store è nata proprio durante la pianificazione del lancio dei Google Glass, che finora hanno potuto provare solo i manager di Big G e i programmatori che hanno sborsato 1.500 dollari per avere un prototipo degli “occhiali” con il quale creare app per il nuovo dispositivo.


Christina DesMarais