24 maggio 2012 – Seagate Technology ha offerto a Philippe Spruch, CEO di LaCie, e ai suoi affiliati, di acquistare l’intero pacchetto azionario a loro riferito, che rappresenta il 64,5% del capitale azionario circolante per LaCie. L’offerta iniziale è di 4,05 euro per azione, con un adattamento, al ribasso, che dipende dall’effettiva posizione finanziaria di LaCie. Il prezzo proposto potrebbe d’altra parte aumentare del 3% se, nei sei mesi successivi alla chiusura dell’accordo, Seagate riesca a raggiungere la soglia del 95% delle azioni totali di LaCie. La portata dell’accordo è per LaCie di circa 146 milioni di dollari, con l’offerta attuale, o di 186 milioni di dollari con l’eventuale incremento.

La conclusione della prima parte dell’operazione, l’acquisto delle azioni di Spruch, è prevista per il terzo trimestre del 2012. Successivamente Seagate inizierà a trattare per acquisire le azioni rimanenti. Tutta l’operazione è soggetta all’approvazione delle autorità statunitensi e francesi, prima di tutto, ma sono coinvolte anche altre giurisdizioni, come l’antitrust tedesca.

La transazione combinerà prodotti e tecnologie delle due aziende, aggiungendo la linea di soluzioni storage e software di LaCie all’offerta di prodotti storage, rivolti soprattutto al mercato consumer, di Seagate. L’azienda californiana, che punta all’espansione nel settore storage, in ambito consumer, in particolare sui mercati europeo e giapponese, fruirà anche delle competenze di LaCie nello sviluppo software,  e delle relazioni dell’azienda con diversi rivenditori  strategici nel settore.

A seguito della vendita delle proprie azioni, Spruch entrerà in Seagate e gestirà l’organizzazione della linea di prodotti di consumer storage. Riporteranno a lui sia Patrick Connolly, attualmente Vice President e General Manager del gruppo vendite di Seagate, sia Pierre van der Elst, attualmente Deputy General Manager di LaCie.