Finanza&Mercati

Ellison lascia la guida di Oracle, ma non va in pensione

19 settembre 2014 – A sorpresa Larry Ellison ha lasciato il timone di Oracle. Il cofondatore dell’azienda, alla sua guida dal 1977, anno di fondazione, ha lasciato l’incarico all’eta di 70 anni, ma non è ancora pronto per la pensione. Ellison rimarrà infatti Presidente dell’azienda e Chief Technology Officer, ma lascerà la gestione in mano a Mark Hurd e Safra Katz che, da direttori generali, diventano Amministratori Delegati. Leggi tutto

Germania leader per la connettività, Italia al 13° posto

19 settembre 2014 – Il check in di Huawei su connettività e ICT piazza l’Italia al 13° posto su 25 Paesi. Il Global Connectivity Index è lo studio presentato dalla società cinese su un campione che vale circa il 78% del prodotto interno lordo e il 68% della popolazione mondiale. L’indagine esamina una decina di settori industriali (manifatturiero, finance, trasporti e altro) combinandoli con una serie di indicatori (il Pil di ogni Paese, per esempio) per stabilire, tramite un punteggio finale, quali fattori influenzano la predisposizione a investire nelle nuove tecnologie. Leggi tutto

Profit warning di Sony: il mobile è in rosso

18 settembre 2014 – Sony lancia un inatteso profit warning segnalando che, rispetto alle precedenti stime, quadruplicheranno le perdite dell’esercizio che si chiuderà il 31 marzo del prossimo anno. Da 50 miliardi si arriverà a 230 miliardi di yen (circa 2,15 miliardi di dollari). I problemi arrivano dalla divisione che si occupa della telefonia mobile. Stretta fra i giganti Apple e Samsung e la forte concorrenza dei produttori cinesi e taiwanesi, la multinazionale della Playstation è stata costretta a ridimensionare il piano a medio termine per “affrontare il significativo cambiamento nel mercato e il contesto competitivo”. Questo si traduce in alcune scelte drastiche, come la riduzione della gamma di offerta, la focalizzazione sul segmento premium e l’uscita da alcuni mercati. Leggi tutto

Micro Focus acquisisce Attachmate e, con essa, Suse Linux

17 settembre 2014 – Con una mossa che riunirà sotto lo stesso tetto diverse infrastrutture software, Micro Focus ha avviato la fusione con Attachmate Group, proprietaria di Novell e Suse Linux. L’acquisizione di Novell da parte del provider di software per mainframe ha un valore economico di 1,2 miliardi di dollari e verrà completata il prossimo novembre. “Le due società avranno complessivamente più di 4.500 dipendenti e più di 30.000 clienti”, ha dichiarato Micro Focus, “Insieme, raggiungeranno un fatturato annuale di 1,4 miliardi di dollari”. Attachmate acquistò Novell nel 2011 per 2,2 miliardi di dollari. Leggi tutto

Vola l’Ipo di Alibaba anche perché l’offerta è scarsa

16 settembre 2014 – Alibaba Group Holding ha intenzione di aumentare il prezzo dell’Ipo a causa della “travolgente” domanda da parte degli investitori, secondo alcune fonti vicine alla situazione.

Il gigante cinese dell’e-commerce, che ha lanciato la propria Ipo all’inizio della scorsa settimana, ha coperto l’offerta dopo solo due giorni di roadshow.

Nel caso di esercizio integrale della greenshoe, sarebbe la maggiore Ipo di sempre a livello globale, con una raccolta di 24,3 miliardi di dollari.

L’offerta attuale prevede la vendita da parte della società e di alcuni azionisti di 320,1 milioni di azioni a un prezzo pari a 60-66 dollari per azione. Alibaba, che non ha bisogno del mercato per finanziare la ua crescita, quoterà solo il 13 per cento del capitale  (e solo un terzo tramite un’Ops). Anche per questo la forchetta di prezzo tra 60 e 66 dollari) è più bassa del 15 per cento rispetto alle stime. Ma l’effetto scarsità sta già generando i suoi effetti.

La società ha deciso di quotarsi al Nyse perché Hong Kong aveva rifiutato la quotazione a causa della governance della società dove il fondatore Jack Ma possiede il comando con l’8,9 per cento del gruppo. Considerata la prima vera minaccia al dominio statunitense nel mondo del commercio elettronico, Alibaba ha una valore delle merci vendute attraverso i suoi siti di 248 miliardi di dollari nel 2013 contro circa la metà di Amazon e un terzo di eBay.

L’anno scorso Alibaba ha consegnato cinque miliardi di pacchi, Ups, il corriere che opera a livello mondiale, 4,3 miliardi.

Il gruppo cinese non è una realtà semplice. A differenza della concorrenza come Amazon che possiede principalmente un sito, Alibaba ne ha creati tanti , ognuno tagliato su misura per un certo tipo di transazione e ognuno con il potenziale per una grande espansione internazionale.

Così, Alibaba.com, mette in contatto il manufatturiero cinese

con le piccole imprese di tutto il mondo.

Taobao invece ha aperto nel 2003 ed è la risposta di Alibaba a eBay, che allora si preparava a invadere il mercato cinese. L’idea era di costruire siti ritagliati perfettamente sulla realtà cinese. Sapendo i margini molto stretti con i quali lavoravano gli operatori locali, Taobao non ha previsto costi per le inserzioni (eBay chiede il 15 per cento) guadagnando solo quando i venditori decidevano di pubblicizzare i loro prodotti e, in un secondo momento, quando hanno cominciato a usare gli strumenti di pagamento del portale. Oggi Taobao è il principale sito di Alibaba.

Tmall è invece un centro commerciale virtuale che al prezzo del 5 per cento sulle vendite permette ai marchi mondiali di accedere al mercato cinese.

L’importanza del portale è tale che il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius, in visita in Cina per questioni di diplomazia economica, e il fondatore e presidente del colosso dell’e-commerce Jack Ma, hanno firmato un accordo per promuovere sui siti del gruppo i marchi francesi.

Stranamente anhe il governo italiano si è già mosso. Sull’onda dell’esempio francese è stato firmato un memorandum di intesa “per promuovere maggiori opportunità commerciali per le aziende italiane che intendono vendere al vasto mercato dei consumatori cinesi attraverso le piattaforme online del gruppo Alibaba, Tmall.com e Tmall.Hk (collettivamente ‘tmall’) e altre attività del gruppo a esse correlate“. (L. F.)

 

Oracle acquisisce Front Porch Digital

16 settembre 2014 – Oracle ha siglato un accordo per acquisire Front Porch Digital, fornitore di tecnologia per la migrazione, la gestione e la monetizzazione dei contenuti multimediali su larga scala.

I termini finanziari della transazione non sono stati divulgati. Domenica scorsa Oracle ha affermato che si aspetta di chiudere la transazione quest’anno. Front Porch Digital continuerà ad operare come società indipendente fino a quel momento. Leggi tutto

Resource Center

  • Drop test ottimizzati con Dell, Intel e Altair

    Dell, Intel e Altair hanno collaborato all'analisi di una soluzione virtuale di drop test, che assicura aumenti comprovati di velocità e accuratezza

    Intel dell AltairDownload
  • “Scaricare” i server per abbattere i costi

    L’infrastruttura web deve essere in grado di scalare? Sì, ma attenzione a non ingigantire i costi. L’uso degli ADC è una strada economicamente praticabile

    server data centerDownload
  • Le domande da porre ai propri service provider

    Cosa chiedere al proprio fornitore di servizi ICT per ottenere una prestazione allineata ai propri reali bisogni e agli obiettivi aziendali

    Dimension-data-wp-3-tough-questionsDownload
  • EVault alla ricerca di nuovi partner

    Nata nel 1997 per offrire backup e ripristino nella cloud, la società del gruppo Seagate, oggi leader in questo mercato, offre tre interessanti white paper

    EvaultDownload
  • Archiviazione su cloud – problematiche e benefici

    L’archiviazione e il backup sul cloud sono servizi leggermente diversi, ma entrambi consentono agli utenti di ottenere uno spazio di archiviazione scalabile

    Evault-cloudDownload
  • 12 Best Practice per il backup e il ripristino dei dati

    Due pagine di consigli e analisi per non farsi mai trovare impreparati o gettare denaro al vento

    Evault-best-practiceDownload
  • EVault: i partner al centro di tutto

    Se desiderate ampliare la vostra offerta di servizi con backup e ripristino nella cloud e costruire un flusso di entrate costanti, EVault, società di Seagate, è il vostro partner ideale

    Evault-partnerDownload
  • BYOD e sicurezza: nuove sfide per l’impresa

    Il BYOD evolve alla versione 2.0, mentre le sfide per il controllo di identità e accessi sono sempre più dure. Le risposte di F5 Networks in due white paper pronti da scaricare

    BYOD20Download
  • BYOD 2.0: non solo dispositivi

    Il concetto del BYOD (Bring Your Own Device) ha rapidamente trasformato l’IT, offrendo un modo rivoluzionario per sostenere le persone che lavorano in mobilità

    BYOD20Download
  • Identità garantita e accesso sicuro grazie a SAML

    SAML è uno standard basato su XML in grado di fornire le informazioni di identità necessarie per implementare una soluzione di single sign-on enterprise

    SAMLDownload
find std testing clinics @ localstdtest.net
© Play Lifestyle Media 2013 - Partita IVA: 02006400036
Advertisement